Aldi: risultati e obiettivi di sostenibilità in Italia al 2020

#TAKEACTION | Entro la fine del prossimo anno il retailer richiede che tutti i suoi articoli, materiali pubblicitari e confezioni in legno e carta siano costituiti almeno al 70% da materiale riciclato o certificati

In vista della Giornata Internazionale delle Foreste (21 marzo), Aldi ha condiviso, nell’ambito del suo più ampio programma di responsabilità sociale “Oggi per domani”, le linee guida all’interno della propria filiera per l’acquisto di legno e derivati e i risultati raggiunti in tal senso. Nel corso del 2018, ad esempio, il retailer ha fatto circolare circa 5.000 tonnellate di materiale conforme agli standard del Forest Stewardship Council (Fsc), o del Programme for the Endorsement of Forest Certification Schemes (Pefc), che corrisponderebbero a circa 7.500 castagni.

I prodotti per la cura e l’igiene per la casa, i piccoli mobili da interno e da giardino così come la carta di volantini, brochure e scontrini di Aldi hanno sempre una delle due certificazioni. Nel mese di ottobre 2018 il brand ha inoltre lanciato in tutta Italia “Aldi, missione Im-Ballo! Ridurre. Riutilizzare. Riciclare.”, l’iniziativa articolata in tre tappe per l’ottimizzazione della gestione dei rifiuti da imballaggio dal 2019 al 2025.

Parlando di obiettivi futuri nel nostro Paese: entro la fine del 2020, la catena richiede che tutti i suoi articoli, i materiali pubblicitari e le confezioni in legno e carta siano costituiti almeno al 70% da materiale riciclato, oppure certificati secondo i due standard internazionali di gestione responsabile delle foreste.

 

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome