Amazon compra Whole Foods Market ed entra nel retail salutista

Una mossa da quasi 14 miliardi di dollari che scuote la gdo tradizionale

Amazon fa sul serio. Fa sul serio nel canale virtuale, in quello fisico e in tutte le categorie di prodotto. Dopo aver conquistato il mondo online con l'elettronica e il non food, dopo essere entrato nell'alimentare fresco con Amazon Fresh, dopo l'esperimento di supermercato di prossimità con Amazon Go arriva il grosso colpo nel retail tradizionale con l'acquisizione della catena Whole Foods Market.


Un'operazione da 13,7 miliardi di dollari (circa 12,2 miliardi di euro) che porta in dote al gigante di Seattle oltre 460 store tra Usa, Canada e Stati Uniti, accomunati da una filosofia di assortimento biologico certificato e immagine green. La transazione di 42 dollari per azione dovrebbe essere ufficialmente chiusa nella seconda metà del 2017 e segna l'ingresso ufficiale di Amazon nel mondo del salutismo e del benessere (difficile, in effetti, pensare che proprio Bezos rinunciasse a cavalcare questo macro trend internazionale).

Amazon ha sottolineato che Whole Foods continuerà a gestire i supermercati con il proprio marchio e che John Mackey resterà l'amministratore delegato, così come la sede dell'insegna resterà ad Austin, in Texas. "Whole Foods sta facendo un ottimo lavoro e vogliamo che questo continui", ha sottolineato proprio il numero uno Jeff Bezos in una nota.

In effetti, la razionalizzazione della rete portata avanti da Whole Foods nell'ultimo periodo va di pari passo a una volontà di ammodernamento del format, concretizzato in particolare con l'insegna convenience 365 rivolta al target dei Millennials e lanciata lo scorso anno in ottica di progressivo sviluppo.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here