Analisi dei brand delle oil company

Personalità variegate e poca differenziazione. Analisi dei marchi con l'approccio Chromothinking

Per l'articolo completo scaricare il Pdf

Variegata personalità, poca differenziazione dei profili dei brand e una preferenza per l'energia verde. Queste in sintesi le evidenze principali emerse dall'analisi del profilo dei brand petroliferi presi in esame.

Le energie del metodo
I consumatori percepiscono nel brand un carattere, una personalità proprio come se fosse un essere umano. Il metodo utilizzato per l'analisi sviluppata in queste pagine si basa sul modello di C.G. Jung e si rifà a 4 profili base che si possono chiamare energie colorate:

Energia rossa, è caratterizzata da velocità, forza, decisione, azione, estroversione, razionalità, competizione e innovazione. È un'energia protesa in avanti, verso il futuro, verso la tecnologia;
Energia gialla, è caratterizzata da familiarità, allegria, espansività, calore, affettività, relazione, coinvolgimento ed estroversione. È un'energia anch'essa protesa in avanti, ma verso le persone;
Energia verde, è caratterizzata da vicinanza, genuinità, complicità, semplicità, amore, affettività, pacatezza e introversione. È un'energia riservata, rivolta verso sé stessa e la cura delle persone;

Energia blu, è caratterizzata da precisione, sobrietà, informazione, formalità, tradizione, introversione, razionalità e introspezione. È un'energia riservata, rivolta verso sé stessa e le attività di pensiero.

In ogni brand sono presenti tutte e quattro queste energie, ma quando una o due di esse sono prevalenti, vi è una percezione più precisa del profilo della personalità: in questo caso si tratta di brand differenziato. Una buona differenziazione sulle energie orienta la scelta del consumatore, sia a livello consapevole sia meno consapevole.
Sulla base di centinaia di osservazioni si può definire un indice di differenziazione (che ha come valore minimo 0% e come valore massimo 100%), la soglia del 75% è un'importante indicatore: i brand leader superano agevolmente questa soglia, mentre quelli al di sotto del 75% hanno quote di mercato decisamente minori e una più elevata infedeltà dei loro clienti.

La metodologia di ricerca
Grazie alla partnership con Telepass spa, a settembre 2012 è stato inviato via e-mail un questionario online basato sul metodo Chronmothinking® a una selezione di clienti Telepass, al fine di profilare alcuni brand petroliferi. Le evidenze emerse si basano su un campione di circa 1.600 rispondenti (errore campionario basso, poco sopra il 2% sia al 90%, sia al 95% di significatività), così caratterizzato:
- clienti autostradali alto-viaggianti negli ultimi 12 mesi (56% clienti Telepass Premium, 46% clienti Telepass senza Premium);
- principali regioni di residenza: Lombardia (27%), Campania (15%), Piemonte (10%), Lazio (9%), Emilia Romagna (7%), Liguria (7%), Veneto (6%), Toscana (6%), Abruzzo (4%), Sicilia (3%), Friuli-Venezia Giulia (2%), Marche (2%), Puglia (2%), Altre Regioni (2%);
- età: 18-34 (10%), 35-44 (23%), 45-54 (31%), 55-64 (25%), oltre 64 (11%);
- sesso: uomini (80%), donne (20%);
- istruzione: università (40%), scuola media superiore (52%), scuola media inferiore (7%), scuola elementare/nessuna (1%).
I brand analizzati sono stati: BP, Eni-Agip , Esso, IP, Q8, Shell, Tamoil, Total-Erg

Allegati

Brand Oil Analisi

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here