Anteprima Carni 2011

Scenari – Anteprima Carni anticipa l'appuntamento con il supplemento Carni 2011 che farà il punto su uno dei settori alimentati più importanti e complessi. Il Flip magazine liberamente consultabile è focalizzato sulle politiche assortimentali di reparto in Gda

Clicca per accedere al flipmagazine
Anteprima Carni 2011

La macelleria cambia in assenza di marca
Il reparto della carne, dove la marca non riesce proprio a entrare se non in quelle bianche, sta lentamente cambiando. Il problema non è se far vedere o meno la parte di superficie dove avvengono le preparazioni - che sarebbe comunque importante -, ma adottare politiche commerciali e di comunicazione più moderne e attente ai cambiamenti di acquisto e di consumo. Proviamo a elencarne alcune:

• lavorare sul perimetro in altezza. Molti negozi hanno colto l'occasione di estendere in altezza nel self service: due o tre scaffali, con un semi pozzo come base, è una buona soluzione;
• macellazione halal: è un'opportunità che andrebbe colta. Certo, dipende dalla localizzazione del negozio, ma l'investimento su un futuro che verrà è d'obbligo. Forse la presenza di halal andrebbe addirittura segnalato nella comunicazione esterna (volantino, giornali, presidi vari) e soprattutto all'ingresso del punto di vendita (nel caso delle grandissime superfici);
• i tagli da porzionare a casa: sono molti, soprattutto gli ipermercati, i negozi che stanno proponendo questa possibilità. Non è solo una trovata di marketing. Se comunicato correttamente questo sottoreparto può dare soddisfazioni anche nell'immediato. Basta non esagerare nei tagli (se ne vedono già alcuni di fantasia);
• formati famiglia/single. Benissimo la loro visualizzazione, magari anche in modo più deciso, da trattare in chiave di rapporto valore-prezzo, con pack adeguato;
• cross merchandising.

La carne si prepara, si cucina, e poi si serve. Su tantissimi lineari mancano proposte di complementarietà a questi passaggi. Si vede molto vino, ma è una delle proposte che possono essere fatte e andrebbe modulato per tipologia di prodotto, suggerendono gli abbinamenti.
Mancano comunque i preparati base che devono essere recuperati in altri reparti. Consigli? Non abusate del tempo del cliente! È fin troppo prezioso.

CONDIVIDI
Articolo precedenteUrbanistica, Real Estate & Cci 2011
Articolo successivon. 201 – luglio/agosto 2011
Marketing, comunicazione e modelli di gestione applicati al retail con focus su ebusiness. Con attenzione alle tematiche del lavoro

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here