Apofruit Italia lancia il progetto Viviromano

ViviromanoApofruit Italia, grande cooperativa di produzione ortofrutticola presente nelle regioni italiane maggiormente vocate (oltre 3.200 produttori associati, 12 stabilimenti di lavorazione), Gruppo Agribologna, che associa 150 aziende agricole e commercializza 1.450.000 q.li di prodotti, e la partecipata Conor, avviano un nuovo progetto volto allo sviluppo della propria rete distributiva.

In concreto, è stata realizzata una nuova struttura, Viviromano, inquadrata come filiale di organizzazione di produttori. Commercializzerà le produzioni convenzionali e quelle biologiche a marchio AlmaverdeBio e HFD (HorecaFruit Distribution) attraverso le eccellenze del grande polo logistico Centro Agroalimentare Roma.

“L’obiettivo di Viviromano - spiega il direttore generale di Apofruit Ilenio Bastoni - è di sviluppare ulteriormente la nostra forza di distribuzione al Centro e al Sud Italia per soddisfare le esigenze dei nostri clienti, soprattutto Horeca e Gdo, che hanno necessità di tempi sempre più ridotti tra ordini e consegne. Gli elementi basilari del progetto sono infatti quelli dell’efficienza, della tempestività e dell’abbattimento dei costi della logistica. Attualmente quei mercati vengono riforniti da Bologna o da Cesena; essere direttamente su quel territorio consente che i prodotti provenienti dal Sud, non debbano più transitare da Nord ma, vadano direttamente all’area di Roma”.

Distribuita su una superficie di oltre 3 mila metri quadri tra uffici, sale di lavorazione e spazi di refrigerazione, la struttura di Viviromano partirà operativamente a metà del 2016 con un’attività preventivata di 5 mila tonnellate di prodotto ed un fatturato di 9 milioni di euro.

Viviromano è partecipata dalla OP Apofruit, che ne detiene l’80%, dalla OP Agribologna, che è rappresentata per un 10%, e dalla società Conor del Gruppo Agribologna che ne possiede il restante 10%. Il consiglio di amministrazione è composto da Ilenio Bastoni, Ernesto Fornari, Angelo Palma, Riccardo Astolfi e il Presidente Massimo Biondi.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here