Cerca
in
newsletter
Moda e formati - Protagonisti
H&M: svedese per nascita, internazionale per vocazione
Nel 2009 sono previste numerose aperture con l’obiettivo di accrescere la rete commerciale.
Hélène Battaglia
Registrati gratuitamente per scaricare il pdf con la versione completa dell'articolo >

1. Riflette i continui desideri delle clienti con collezioni veloci e modaiole
2. In portafoglio negozi ma anche canali complementari quali il web e la vendita a catalogo


Diventata famosa grazie a uno stile modaiolo universale che ha conquistato nell’ultimo decennio milioni di giovani fashion addicted nel mondo e soprattutto grazie al suo innovativo business concept moda e qualità al miglior prezzo, la catena svedese H&M (Hennes & Mauritz AB), nata nel 1947 a Västerås e oggi uno tra i maggiori protagonisti del settore tessile abbigliamento mondiale con circa 1.800 negozi in 34 paesi del mondo, si è rapidamente guadagnata il titolo di ambasciatrice internazionale del fast fashion. Forte dei buoni risultati registrati nel 2008 (un fatturato che ammonta a 10.088.824.242 euro con una crescita pari a +13% sul 2007), e nonostante la recente crisi internazionale, il colosso svedese diretto dallo scorso febbraio dall’amministratore delegato Karl-Johan Persson intende procedere con la sua strategia di espansione internazionale. Per il 2009, il gigante che impiega 73.000 dipendenti nel mondo, ha programmato 225 aperture di nuovi negozi contro i 196 store aperti nel corso del 2008. Usa, Francia, Gran Bretagna, Germania e Spagna sono tra i paesi che accoglieranno i nuovi shop della catena. L’obiettivo a breve è quello di assicurarsi una crescita annua della rete commerciale di +10-15%. Approdata in Italia nel 2003, in occasione dell’inaugurazione del suo primo flagship store situato nella strategica area commerciale milanese di piazza San Babila nei locali dell’ex department store di Elio Fiorucci, la catena svedese ha aperto finora 53 punti di vendita (dato al 1/06/2009), dal nord al sud della penisola, spaziando dai centri storici delle città ai centri commerciali delle periferie. Con un fatturato 2008 pari a 259.393.939 euro, l’Italia si conferma uno tra i suoi mercati di riferimento (dati aggiornati al 1° giugno 2009).

L’offerta
Fiore all’occhiello di H&M è un assortimento ampio e variegato (vestiti, calzature, accessori e cosmetici) per tutta la famiglia (donne, uomini, teenagers e bambini) caratterizzato da un mix equilibrato tra moda, qualità e prezzo che riflette di continuo i desideri dei clienti. La gamma di prodotti spazia da basici moderni a capi di moda e ultimissimi trend. A sfornare le collezioni ispirandosi al quotidiano e al mondo che lo circonda è un team affiatato di circa 100 designer interni affiancati da buyer e modellisti. Ad ampliare il portafoglio brand sono anche la linea Cos (Collection of style) lanciata nel marzo 2007 e oggi commercializzata in 16 punti di vendita (Germania, Belgio, Francia, Olanda e Danimarca, ecc.) e i marchi Weekday (abbigliamento urban unisex), Cheap Monday (linea di denim), Sunday Sun e Monki (abbigliamento femminile teenager) del gruppo Fabric Scandinavien di cui H&M ha acquistato il 60% il 1° maggio 2008. Come molti suoi competitor, H&M ha lanciato la sua linea Home. Commercializzata dal febbraio 2009, H&M Home offre una vasta gamma di tessuti per la casa e una serie di prodotti per ogni ambiente domestico (dal bagno alla camera da letto). È disponibile solo online e via catalogo in Svezia, Norvegia, Danimarca, Finlandia, Olanda, Germania e Austria.

L’outsourcing
H&M non possiede business unit di sua proprietà, ma ha fatto la scelta strategica di acquistare la totalità della sua merce da circa 700 fornitori indipendenti, principalmente basati in Asia ed Europa. A coordinare l’intera logistica produttiva è una rete di circa 20 uffici di produzione. Ubicati in Asia ed Europa, sono gli stessi a scegliere accuratamente i partner locali. Uno dei requisiti fondamentali per entrare a fare parte del gruppo di fornitori della catena svedese è quello di garantire buone condizioni di lavoro ai propri lavoratori all’interno dello stabilimento. Consapevole della necessità di proteggere l’ambiente, H&M ha adottato una politica di sostenibilità. Il trasporto del 90% della produzione prodotta in Asia si fa ormai per via marittima. Perfino per la merce made in Europe viene preferito il treno. Inoltre il cotone organico si fa sempre più presente nelle collezioni di casa.

La distribuzione
Ubicati nei centri storici delle città o nei centri commerciali in periferia, nei negozi H&M il cliente si serve da solo e sceglie in tutta libertà. I punti di vendita non hanno magazzini propri ma vengono riforniti su richiesta dal magazzino centrale grazie a un sistema informatico performante che assicura un riassortimento just in time. Elemento cardine sono le vetrine, canale di comunicazione più importante con i clienti. Esse cambiano ogni 10-14 giorni in tutto il mondo. Ogni 2-3 anni viene ripensato un nuovo arredamento d’interno. Alle tradizionali vendite registrate nei negozi, si sommano quelle dei canali complementari: web e corrispondenza tramite catalogo. Questa tipologia di vendita è attualmente operativa solo in Svezia, Norvegia, Danimarca, Finlandia, Olanda, Germania e Austria, ma è previsto il suo ampliamento anche a tutti gli altri mercati.
La gamma di prodotti è pressoché la stessa dei punti di vendita. Obiettivo della vendita a distanza è quello di soddisfare il cliente in ogni momento e in ogni luogo in cui si trova. Forte di una presenza in 34 paesi, attualmente H&M punta all’oriente e soprattutto al Giappone che considera un mercato di sbocco con un forte potenziale per le sue collezioni. Altri mercati nel mirino di H&M sono la Russia e i paesi del medio oriente (Egitto, Arabia Saudita, Bahrain, Libano e Israele con una gestione in franchising).

Le partnership
H&M ha siglato, dal 2004, una serie di prestigiose collaborazioni con noti stilisti internazionali. Ultimo guest designer con la stagione S/S 2009 lanciata lo scorso 23 aprile è lo stilista inglese Matthew Williamson.

H&M in cifre
(dati all’1 giugno 2009)
10 mld di euro il fatturato globale 2008
259,3 mio di euro il fatturato Italia 2008
1.800 i negozi
53 quelli presenti in Italia
34 i paesi in cui è presente
73.000 gli addetti nel mondo


Più
  • Brand awareness
  • Prezzo
Meno
  • Prodotto rivolto solo a target giovane

I Flip Magazine di Mark Up

MARKUP_227_MARZO_2014 Markup n. 227 marzo 2014

Tutti i Flip Magazine di Mark Up

Europarlamento24 EPeople

Con il supporto del Parlamento europeo
Il progetto è stato cofinanziato dall'Unione Europea nel contesto del programma di sovvenzione del Parlamento Europeo per la comunicazione. Il Parlamento Europeo non ha partecipato alla sua preparazione e in nessun caso è responsabile o vincolato per le informazioni contenute e le opinioni espresse nel contesto del progetto.
In accordo con la legge vigente, gli unici responsabili sono gli autori, le persone intervistate, gli editori o i soggetti di trasmissione. Il Parlamento Europeo non può essere ritenuto responsabile per gli eventuali danni diretti o indiretti che possono scaturire dall'implementazione del progetto.
228: ultimo numero
SCENARI Supplemento Frutta & Verdura 2013 14° rapporto sul comparto ortofrutta. Uno scenario del ...
SCENARI Supplemento Centri Commerciali Urbanistica, real estate & Centri Commerciali Italiani. Lo ...
Business Tools Rapporto CCI 2012 Il Rapporto 2012 sui centri commerciali in Italia è lo ...
Business Tools Rapporto GDA 2012 La Gda in Italia e confronti internazionali sulle ...
SCENARI Supplemento Centri Commerciali Esclusivo studio di settore che prende in considerazione il ...
SCENARI Carni 2012 Esclusivo studio di settore che prende in considerazione il ...
SCENARI Speciale: analisi Store Brand 2012 Secondo appuntamento con il quaderno annuale Store Brand. In...
In evidenza SISTEMA MARK UP 2014

“Reparto ortofrutta in GDO: come cambia di fronte ai consumi che cambiano?”

Fiera Emaia a Vittoria (Ragusa) Ore 19.00 Sala convegni Fiera Emaia Fonte: http://...

TRA ENOSNOB E RADICAL. AL VINITALY 2014 I DIVERSI TIPI DI WINE LOVERS ITALIANI

Come risposta al calo dei consumi in Italia l’istituto di ricerche Squadrati di Milano ...

TAILORADIO ACQUISISCE ONEVISION

il progetto di acquisizione si è sviluppato e concretizzato con l’obiettivo Tailoradio di ...

14° RAPPORTO FRUTTA & VERDURA DI MARK UP

Aspetti nutrizionali, tecnologici, economici e sociali...

RAPPORTO 2012 SUI CENTRI COMMERCIALI IN ITALIA

Acquista il Rapporto on-...

RAPPORTO SUL MONDO NON ALIMENTARE 2012

Un Rapporto per tutti gli operatori della grande distribuzione ...

RAPPORTO GDA 2012

La realtà italiana della distribuzione commerciale raccontata da numeri, case history ...

CONSULTA L'ARCHIVIO DEI NUMERI DI MARK UP DAL 1997 AD OGGI

E' possibile consultare la banca dati di MARK UP per scaricare tutti gli articoli ...

Eventi
Aprile 2014
Qui Impresa DIEMME MARKETING

Un'agenzia di marketing e comunicazione integrata che si occupa interamente della fase ...

Eventi e servizi
Dov'è finito il mio target? le scelte di acquisto sono subordinate a un modello individualistico dove la famiglia È in secondo piano (da MARKUP 224)
Il costo di un fisco confuso 'Italia e un fisco indefinito
Rss

New Business Media

New Business Media Srl. Tutti i diritti riservati.

Sede legale Via Eritrea 21 - 20157 Milano - Codice fiscale, Partita IVA e Iscrizione al Registro delle imprese di Milano: 08449540965