Cerca powered by Google
newsletter
Copacker & Store Brand 2011
Il mercato costruisce rapporti sofisticati nei contratti fra copacker e retailer
È diffusa la convinzione di avere a disposizione una grande opportunità di crescita.
Registrati gratuitamente per scaricare il pdf con la versione completa dell'articolo >

La settima edizione del Rapporto Marca sull' evoluzione della marca commerciale in Italia, firmato da Adem Lab (spin off di Uni Parma) con il supporto di Symphony Iri, e condotta da Guido Cristini, sostanzialmente conferma negli ultimi 12 mesi le macroevidenze emerse già nel 2009.
Si registra un ulteriore crescita nella quota di mercato (a 15,4%), grossomodo nei ritmi già manifestati precedentemente, con dinamiche fortemente superiori a quelle delle marche industriali. Il che comporta una nuova erosione di sei decimi all'Idm, per un totale di 3 punti sottratti nell'ultimo quinquennio. La seconda gamba (quella degli store brand) inizia a reggere e a dare il suo contributo significativo alla corsa del sistema anche in Italia: nell'evoluzione complessiva delle vendite, considerando i dati in valore, le marche industriali performano in leggera negatività. L'aumento degli store brand con il +6,5% consentono invece di chiudere con un +0,5% globale. Il discorso è ancora più appariscente se considerato a volume, per unità di vendite, dove le positività delle marche commerciali portano la bilancia complessiva al +0,8% ribaltando la contrazione registrata dall'Idm.

Gli assortimenti
Meno netti paiono i movimenti all'interno della struttura degli assortimenti in marca commerciale. In ogni caso - pur in una stagione debole per i consumi - le referenze inserite nelle linee premium hanno performato in modo ottimale registrando uno spostamento del baricentro (4,2% a valore da 3,4% nel 2009). La prestazione indubbiamente interessante poggia su un'estensione delle gamme presenti nei punti di vendita, che vanno a coprire rapidamente categorie inedite (+46,3% il dato in termini di maggiori unità vendute).
Rispetto a quanto avviene in mercati più maturi, in Italia non si riscontra ancora una struttura a clessidra (dove la marca insegna viene compressa da top di gamma e sub-brand dall'alto e dal value 2.0 dal basso (quello simil-discount: qualità al minor costo, con posizionamento superiore all'entry level). Nella penisola la tipologia standard a marchio d'insegna risulta tuttora fortemente maggioritaria e non ha ancora iniziato lo smottamento a favore di una decisa ristrutturazione del portfolio di catena.
Facendo una rapida considerazione territoriale va segnalato il deciso recupero del meridione dove gli store brand incrementano i fatturati di 9,2% (superiore alla media italiana: 6,5%) e si portano quasi in linea con il gradimento nazionale per questa tipologia di assortimento. Ortofrutta, fresco, homecare e refrigerato, in genere, sono categorie nelle quali l'incidenza delle vendite in marca commerciale risulta superiore alla ripartizione vendite sul totale mercato.
...

Nel Pdf
· le prospettive, il passato, le relazioni
· promozionalità a valore della marca commerciale
· l'evoluzione delle vendite
· gli obiettivi strategici asegnati alla marca commerciale

I Flip Magazine di Mark Up

MARKUP_230_GIUGNO_2014 Gentrification, che ruolo gioca il retail

Tutti i Flip Magazine di Mark Up

Europarlamento24 EPeople

Con il supporto del Parlamento europeo
Il progetto è stato cofinanziato dall'Unione Europea nel contesto del programma di sovvenzione del Parlamento Europeo per la comunicazione. Il Parlamento Europeo non ha partecipato alla sua preparazione e in nessun caso è responsabile o vincolato per le informazioni contenute e le opinioni espresse nel contesto del progetto.
In accordo con la legge vigente, gli unici responsabili sono gli autori, le persone intervistate, gli editori o i soggetti di trasmissione. Il Parlamento Europeo non può essere ritenuto responsabile per gli eventuali danni diretti o indiretti che possono scaturire dall'implementazione del progetto.
Mark Up n. 231: sommario
SCENARI Supplemento Frutta & Verdura 2013 14° rapporto sul comparto ortofrutta. Uno scenario del ...
SCENARI Supplemento Centri Commerciali Urbanistica, real estate & Centri Commerciali Italiani. Lo ...
Business Tools Rapporto CCI 2012 Il Rapporto 2012 sui centri commerciali in Italia è lo ...
Business Tools Rapporto GDA 2012 La Gda in Italia e confronti internazionali sulle ...
SCENARI Supplemento Centri Commerciali Esclusivo studio di settore che prende in considerazione il ...
SCENARI Carni 2012 Esclusivo studio di settore che prende in considerazione il ...
SCENARI Speciale: analisi Store Brand 2012 Secondo appuntamento con il quaderno annuale Store Brand. In...
In evidenza SISTEMA MARK UP 2014

“Reparto ortofrutta in GDO: come cambia di fronte ai consumi che cambiano?”

Fiera Emaia a Vittoria (Ragusa) Ore 19.00 Sala convegni Fiera ...

TRA ENOSNOB E RADICAL. AL VINITALY 2014 I DIVERSI TIPI DI WINE LOVERS ITALIANI

Come risposta al calo dei consumi in Italia l’istituto di ricerche Squadrati di Milano ...

TAILORADIO ACQUISISCE ONEVISION

il progetto di acquisizione si è sviluppato e concretizzato con l’obiettivo Tailoradio di ...

14° RAPPORTO FRUTTA & VERDURA DI MARK UP

Aspetti nutrizionali, tecnologici, economici e sociali...

RAPPORTO 2012 SUI CENTRI COMMERCIALI IN ITALIA

Acquista il Rapporto on-...

RAPPORTO SUL MONDO NON ALIMENTARE 2012

Un Rapporto per tutti gli operatori della grande distribuzione ...

RAPPORTO GDA 2012

La realtà italiana della distribuzione commerciale raccontata da numeri, case history ...

CONSULTA L'ARCHIVIO DEI NUMERI DI MARK UP DAL 1997 AD OGGI

E' possibile consultare la banca dati di MARK UP per scaricare tutti gli articoli ...

Eventi
Luglio 2014
Qui Impresa DIEMME MARKETING

Un'agenzia di marketing e comunicazione integrata che si occupa interamente della fase ...

Eventi e servizi
Dov'è finito il mio target? le scelte di acquisto sono subordinate a un modello individualistico dove la famiglia È in secondo piano (da MARKUP 224)
Il costo di un fisco confuso 'Italia e un fisco indefinito
Rss

New Business Media

New Business Media Srl. Tutti i diritti riservati.

Sede legale Via Eritrea 21 - 20157 Milano - Codice fiscale, Partita IVA e Iscrizione al Registro delle imprese di Milano: 08449540965