Cerca powered by Google
newsletter
Copacker & Store Brand 2011
La verticalizzazione è la chiave di sviluppo dello store branding ortofrutticolo
L'esempio del Regno Unito, il mercato europeo più evoluto nel settore.
Raffaello Bernardi
Registrati gratuitamente per scaricare il pdf con la versione completa dell'articolo >

Il Regno Unito rappresenta oggi sicuramente il mercato europeo più evoluto in materia di store branding ortofrutticolo. Fatte 100 le complessive vendite a volume di frutta e verdura, durante l'anno passato, oltre il 72% è, infatti, derivato dalla cessione di prodotti a marca del distributore e la percentuale sale quasi al 74% se si considera il sell out generato in termini monetari (fonte Kantar Worldpanel). Si parla, in altre parole, di 4,3 milioni di tonnellate di ortofrutta a marca privata per 6,2 miliardi di sterline, in crescita di 4,9 punti percentuali a quantità e 5,8 a valore sul 2008. Tenuto conto del fatto che dal dettaglio moderno origina una quota di acquisti ortofrutticoli, Oltremanica, all'incirca pari al 95% del totale, è facile comprendere come più dei tre quarti del turnover  prodotto dal reparto ortofrutta delle grandi catene distributive sia oggi di fatto generato dalla vendita di referenze private label.

Destination category
L'attenzione posta dal retailing inglese a tale categoria è figlia del ruolo a essa attribuito dal consumatore, in quanto diverse ricerche dimostrano che l'ortofrutta assieme alla carne fresca è una delle poche merceologie per cui gli shopper cambierebbero, nel Regno Unito, punto di vendita. Si tratta, in altri termini, di una destination category a forte richiamo, da cui la necessità per i player della distribuzione di attivare proprio con riferimento a  essa impianti di marketing capaci di generare e veicolare reale valore al consumo. La mancanza di brand affermati unita a una percezione della private label, da parte dello shopper inglese, già quindici anni fa, come alternativa di pari livello alla marca industriale ha fatto, poi, il resto, offrendo alle catene l'opportunità per incentrare lo sviluppo della gamma assortimentale, in ortofrutta, sul prodotto a marchio. Tutto semplice nei propositi, ma la costruzione di un'architettura di marca ha richiesto, nei fatti, ai player della distribuzione un radicale ripensamento dei rapporti con la propria base fornitori, con il passaggio da un approccio di tipo transazionale su mercati spot a un più stringente approccio a carattere relazionale. Gli accademici britannici parlano in tal senso della nascita di “partnership verticali”, definendole come “una forma d'intesa tra buyer e supplier, liberamente stabilita, per facilitare uno scambio mutuamente soddisfacente nel tempo, che lasci le operation e il controllo dei due business sostanzialmente indipendenti”.
...

Nel Pdf confronto tra filiere, nuovi staff comuni e integrazioni a monte.

I Flip Magazine di Mark Up

MARKUP_230_GIUGNO_2014 Gentrification, che ruolo gioca il retail

Tutti i Flip Magazine di Mark Up

Europarlamento24 EPeople

Con il supporto del Parlamento europeo
Il progetto è stato cofinanziato dall'Unione Europea nel contesto del programma di sovvenzione del Parlamento Europeo per la comunicazione. Il Parlamento Europeo non ha partecipato alla sua preparazione e in nessun caso è responsabile o vincolato per le informazioni contenute e le opinioni espresse nel contesto del progetto.
In accordo con la legge vigente, gli unici responsabili sono gli autori, le persone intervistate, gli editori o i soggetti di trasmissione. Il Parlamento Europeo non può essere ritenuto responsabile per gli eventuali danni diretti o indiretti che possono scaturire dall'implementazione del progetto.
Mark Up n. 231: sommario
SCENARI Supplemento Frutta & Verdura 2013 14° rapporto sul comparto ortofrutta. Uno scenario del ...
SCENARI Supplemento Centri Commerciali Urbanistica, real estate & Centri Commerciali Italiani. Lo ...
Business Tools Rapporto CCI 2012 Il Rapporto 2012 sui centri commerciali in Italia è lo ...
Business Tools Rapporto GDA 2012 La Gda in Italia e confronti internazionali sulle ...
SCENARI Supplemento Centri Commerciali Esclusivo studio di settore che prende in considerazione il ...
SCENARI Carni 2012 Esclusivo studio di settore che prende in considerazione il ...
SCENARI Speciale: analisi Store Brand 2012 Secondo appuntamento con il quaderno annuale Store Brand. In...
In evidenza SISTEMA MARK UP 2014

“Reparto ortofrutta in GDO: come cambia di fronte ai consumi che cambiano?”

Fiera Emaia a Vittoria (Ragusa) Ore 19.00 Sala convegni Fiera ...

TRA ENOSNOB E RADICAL. AL VINITALY 2014 I DIVERSI TIPI DI WINE LOVERS ITALIANI

Come risposta al calo dei consumi in Italia l’istituto di ricerche Squadrati di Milano ...

TAILORADIO ACQUISISCE ONEVISION

il progetto di acquisizione si è sviluppato e concretizzato con l’obiettivo Tailoradio di ...

14° RAPPORTO FRUTTA & VERDURA DI MARK UP

Aspetti nutrizionali, tecnologici, economici e sociali...

RAPPORTO 2012 SUI CENTRI COMMERCIALI IN ITALIA

Acquista il Rapporto on-...

RAPPORTO SUL MONDO NON ALIMENTARE 2012

Un Rapporto per tutti gli operatori della grande distribuzione ...

RAPPORTO GDA 2012

La realtà italiana della distribuzione commerciale raccontata da numeri, case history ...

CONSULTA L'ARCHIVIO DEI NUMERI DI MARK UP DAL 1997 AD OGGI

E' possibile consultare la banca dati di MARK UP per scaricare tutti gli articoli ...

Eventi
Luglio 2014
Qui Impresa DIEMME MARKETING

Un'agenzia di marketing e comunicazione integrata che si occupa interamente della fase ...

Eventi e servizi
Dov'è finito il mio target? le scelte di acquisto sono subordinate a un modello individualistico dove la famiglia È in secondo piano (da MARKUP 224)
Il costo di un fisco confuso 'Italia e un fisco indefinito
Rss

New Business Media

New Business Media Srl. Tutti i diritti riservati.

Sede legale Via Eritrea 21 - 20157 Milano - Codice fiscale, Partita IVA e Iscrizione al Registro delle imprese di Milano: 08449540965