Centrale del Latte d’Italia ai nastri di partenza

CentraleIl consiglio di amministrazione di Centrale del Latte di Torino ha approvato il progetto di fusione per incorporazione di Centrale del Latte di Firenze, Pistoia e Livorno in Centrale del Latte di Torino & C. Si forma così il terzo polo lattiero-caseario in Italia con una posizione di leadership nelle regioni Piemonte, Toscana, Liguria e Veneto. Al termine del percorso verrà adottata la denominazione di Centrale del Latte d’Italia, che a sua volta controllerà la nuova Centrale del Latte Toscana. Nel pacchetto azionario i soci con oltre il 5% di quota saranno CLTorino, Comune di Firenze, Comune di Pistoia, Fidi Toscana. Il capitale sociale sarà portato a 28 milioni di euro.

La fusione si inserisce nella più ampia strategia di crescita per linee esterne delle due società ed è finalizzata a creare un polo interregionale specializzato nella produzione e nella commercializzazione di prodotti lattiero-caseari che aggreghi realtà e marchi a livello locale, accomunati da valori essenziali quali la qualità, la sicurezza, la territorialità, il prosieguo delle relazioni con la filiera zootecnica delle regioni interessate.

A beneficiarne, in primis, sarà il marchio Mukki, in termine di completamento assortimentale, capillarità ed estensione di rete, incremento del potere contrattuale, capacità di investimento in ricerca e sviluppo.

Il progetto è stato predisposto sulla base delle situazioni patrimoniali al 30 settembre 2015. La congruità del rapporto di cambio sarà altresì oggetto di verifica da parte della società di revisione KPMG, su nomina del Tribunale di Torino.

 

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome