Cercasi imprenditori veri per non liquidare il Paese

ECONOMIA & ANALISI – La perdita delle imprese nazionali non è una tendenza del fashion, ma un fenomeno generalizzato frutto delle conseguenze del cambio generazionale, avvenuto nell'imprenditoria e nel management delle imprese pubbliche. (da MARKUP 205)

Per l'articolo completo scaricare il Pdf

François-Henri Pinault, il patron di Ppr, uno dei poli mondiali del lusso e novello proprietario di Brioni, ha dichiarato di recente, mostrando quella simpatia che i francesi hanno per noi italiani quando siamo in difficoltà: "Grande è bello, imparate da noi a creare gruppi internazionali". Poco da obiettare se è vero che la asfittica moda francese ha saputo fare, tramite i due colossi del lusso, Ppr appunto e Lvhm, il pieno di brand italiani con i quali consegue risultati strepitosi. Brioni raggiunge, nel team di Pinault, Gucci, Sergio Rossi e Bottega Veneta, mentre il suo rivale Bernard Arnault di Lvhm ha da poco acquisito Bulgari che è andato a comporre un trio di brand di eccellenza insieme a Fendi ed Emilio Pucci.

Oltre la moda
Non si tratta di una tendenza del fashion, ma di un fenomeno generalizzato frutto delle conseguenze del cambio generazionale, avvenuto nell'imprenditoria e nel management delle imprese pubbliche.
I vecchi capitani di industria, innamorati e orgogliosi delle loro aziende e dei prodotti che avevano creato investendo il patrimonio familiare e con il concorso di banche dalla gestione calvinista, avevano fatto dell'Italia la quinta potenza industriale del mondo. Alcuni di loro, ultrasettantenni, sono ancora al timone; tuttavia il pessimismo sul futuro delle loro aziende, quando passeranno la mano, è fortemente diffuso. A loro sono subentrati, a partire dalla fine degli anni '90 - la cosa ha coinciso con una mutazione strutturale dell'economia del paese - finanzieri/uomini d'affari senza vocazione imprenditoriale che hanno investito solo quanto bastava per invogliare i fondi a finanziare acquisizioni. Lo scopo non era certo quello di creare nuove aziende ma di liberarsene non appena remunerato l'investimento o quando le cose richiedessero un impegno diretto nella gestione per raddrizzarle. È così che sta prendendo il volo, sempre in Francia verso Edf, Edison la sola utility dell'energia di dimensioni competitive, mentre la Rinascente, matrice di tutta la distribuzione moderna, simbolo commerciale di Milano, è finita in mano a "li turchi" thailandesi.
Il caso più clamoroso e anche più doloroso è quello di Parmalat in cui Sandro Bondi e la Direzione Commerciale, avevano fatto un miracolo (di cui si avevano notizie solo leggendo la stampa internazionale) risanandola, garantendo l'occupazione e la continuità dei marchi e riempiendone le casse con i denari strappati al sistema bancario corresponsabile del suo collasso. Eppure non si è trovato nessuno in Italia disposto a investire, neanche quel mondo cooperativo che tante risorse ha ricevuto dallo Stato e dalla Ue, che beneficia di pesanti sgravi fiscali e aveva, a suo tempo, tentato di prendersi Parmalat a costo zero. È così che è finita nelle spire di Lactalis (in questo modo la Francia recupera la perdita di Yoplait acquisita da General Mills) azzerando, di fatto, la presenza di brand, a diffusione internazionale, di proprietà italiana nel settore lattiero/caseario.

La prossima crisi sarà l'ultima?
Il settore alimentare è quello che ha beneficiato di più della globalizzazione. Coca Cola e McDonald sono arrivati in Cina dopo le macchine utensili, ma prima dei prodotti industriali e i big player del settore, Nestlè, Procter&Gamble, Danone, Kraft, Unilever, registrano incrementi del loro fatturato che vanno dal più 6,5 al 12%, protetti dall'altalena dei costi delle materie prime dal valore delle loro marche che, oltretutto, diventano sempre più competitive. Cosa ne sarà di un sistema economico sempre più incapace di generare ricchezza per il Paese e sempre più provinciale, quando avremo divorato il patrimonio dello stato e il risparmio dei privati?

   Imprese (non più) italiane

   la migrazione di aziende e marchi italiani oltreconfine
       
   AZIENDA/MARCHIO CEDUTA AZIENDA/GRUPPO ACQUIRENTE PAESE
   Moncler Eurazeo - Gruppo Accor hotel, Foncia, Banca Leonardo ecc. Francia
   Brioni PPR - Marchi italiani posseduti: Gucci, Sergio Rossi, Bottega Veneta Francia
   Bulgari LVMH - Marchi italiani posseduti: Fendi, Emilio Pucci Francia
   Parmalat Lactalis - Gruppo lattiero francese marchi italiani posseduti: Galbani, Invernizzi, Vallelata, Cademartori, Locatelli Francia
   Edison EDF - Gruppo controllato dallo stato con produzione di energia da nucleare e altre fonti Francia
   Le probabili prossime cessioni  
   Ntv trasporti ferroviari Sncf - Ferrovie Statali Francesi Francia
   Alitalia Alleanza Air France/Klm Francia
       
  Fonte: Consulter
 

Allegati

205_FatellI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here