Cere e candele: un business sensoriale

MARKUP LAB – Un marketing estremo riesce a dare nuovi significati a un oggetto banale. Una lezione per i creativi (da MARKUP 204)

Per l'articolo completo scaricare il Pdf

"La fiamma che arde di una candela ha generato per secoli paragoni con il brillare dei diamanti, ma una nuova ricerca ha scoperto che questa somiglianza è dovuta più alla scienza che ai sogni dei poeti". Così la St Andrews University annunciava lo scorso agosto una scoperta del professor Wuzong Zhou. Isolate per la prima volta nanoparticelle di diamante al centro di una fiamma! "Sfortunatamente le particelle di diamante vengono poi bruciate e convertite in biossido di carbonio, ma questo cambierà per sempre il nostro modo di vedere una fiamma di candela": è il commento del professore. Un tocco di fascino in più, dunque. Non che ce ne fosse bisogno. Già da qualche anno la candela vive un'inarrestabile rivoluzione sensoriale. Perduto il suo primordiale significato di utilizzo domestico, si è definitivamente trasferita nel mondo delle emozioni e delle dimensioni immateriali. Proposta per le suggestioni che innerva, è venduta ovunque: profumerie, fiorai, fashion, librerie, centri commerciali, negozi regalo, negozi per la casa ecc. Ricercata da hotel di lusso e dai più creativi wedding planners come componente emozionale nel proprio scenario, è nelle Spa e nei centri benessere che riscuote un nuovo successo di business. La candela massaggio, inserita in un rituale percorso dei sensi, è trattamento bellezza-salute-relax. Sensibile al tam tam contemporaneo del tutto-naturale, ha saputo rinascere da cere vegetali come la cera di soia.
Lo stoppino? È di puro cotone o, nel caso della Cereria Pernici, una delicata lamella di legno. La ragione? Il legno, mentre arde insieme alla cera, scoppietta e il suo crepitio diventa ulteriore componente sensoriale inaspettata. Ma l'olfatto è il senso su cui il business della candela è esploso. La sua diversificazione deve molto alle fragranze e alla loro forza evocatrice. Agua de Sal è la nuova candela creata dal Gruppo torinese Imagine, distributore delle fragranze Les Epiciers, per riprodurre l'odore dell'Oceano Atlantico. Sempre loro sono le formelle profumate che ricreano l'aroma dei biscotti appena sfornati. E ancora, la linea Le Regionali: Profumo della Costiera, Sardegna Verte et Bleue, My Sicily. Colori e aromi sono l'ispirazione di una linea fantasiosa e molto giovane lanciata da Cereria Di Giorgio di Pomezia: è la linea frutta fresca. La candela, tinte sgargianti e profumazioni intense, pur nella semplice forma di moccolo qualsiasi, diventa rievocazione di mandarino, uva, cocco, fragola, composta di albicocche. Strategico il packaging: un sacchetto opacizzato che appena lascia intravedere il contenuto, ma riporta un'immagine naturale del frutto in questione e recita: "juice candle". Poi azzarda: "impacchettato fresco" e invita a un irresistibile "press and smell". E tu, subito lo fai: pigi, annusi e acquisti. Ma se, accanto al colore, al profumo, all'idea, ci metti la forma, ti ritrovi nelle creazioni di Cereria Pernici di Bergamo, famose per ricercatezza e lucentezza.

Proposte creative
L'evento Macef Bijoux di settembre ha esposto nelle vetrine Rinascente, in piazza Duomo a Milano, alcune delle sue candele più esclusive: Mirror, con i suoi soli tempestati di brillantini e Venice con i suoi giochi optical. Sono le candele vestite, così definite perché fasciate da un prezioso foglio di cera stampato, esclusiva assoluta dei Pernici. E poi Bag Lulù, la loro ultima creazione: una piccola borsetta con manico, in sei colori diversi con sei diverse profumazioni. Che dire? Qui c'è proprio tutto: la cera interna è di soia, ma quella esterna è cera laccata, in modo che, una volta sciolta interamente la parte interna, l'esterno continui a vivere come oggetto o contenitore. Lo stoppino è di legno e scoppietta, ogni colore è abilmente abbinato al suo profumo, la forma è irresistibile, la sua unicità irriproducibile. E poi, tocco finale: 15 cristalli Swarovski la accendono di pura lucentezza. Eppure, è solo una candela!

Allegati

204_Esperti-Milesi

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here