Con Internet nuovi canali per stimolare interesse

Urbanistica, Real Estate & CCI – Il marketing deve portare le community virtuali negli spazi reali, trasformando i loro accessi online in visite e le intenzioni di acquisto in scelte concrete (da Scenari Centri Commerciali 2011)

Per l'articolo completo scaricare il Pdf

Secondo un recente rapporto sui mercati pubblicitari rilasciato da Gartner il fatturato dei social media e del marketing online aumenterà del 41%, a partire dal 2012, in decisa controtendenza con le proiezioni fatte per gli altri media tradizionali. I nuovi canali comunicativi web e social media testimoniano un cambio di paradigma, figlio di una vera e propria rivoluzione culturale. Si è passati da una comunicazione di massa, verticale e a una sola via, all'autocomunicazione di massa, caratterizzata da un'orizzontalizzazione dei processi comunicativi e da continue interazioni e risonanze tra gli utenti.
La successiva democratizzazione dell'uso di Internet ha determinto il proliferare di contenuti forniti direttamente dagli internauti. In questo scenario, i centri commerciali cominciano a sfruttare le nuove opportunità offerte dal web, in particolare dai social media, entrando in contatto con i pubblici più disparati il cui livello di impegno e di interazione è più alto rispetto ai canali tradizionali dove l'utente viene colpito dal messaggio senza possibilità di interagire, commentare e condividere. Il risultato è un rapporto privilegiato dato dalla connessione diretta e interattiva con i propri "consumattori" con i quali si condividono informazioni, speranze, emozioni e frammenti di identità.

Integrazioni tra canali
I nuovi canali si inseriscono nelle strategie comunicative che integrano vecchi e nuovi media, con investimenti sempre maggiori nel web e CPC (costo per click) progressivamente inferiori a seguito di campagne mirate di SEO (l'indicizzazione naturale sui motori di ricerca) e SEM (indicizzazione a pagamento).
Dalle piazze alle bacheche di Facebook il passo è breve: i moderni luoghi di aggregazione viaggiano oggi a un livello virtuale, in cui siamo tutti in contatto, anche se non necessariamente vicini. Sta ai moderni marketer riportare queste community virtuali negli spazi reali, trasformando i loro accessi online in visite vere e le intenzioni di acquisto in azioni concrete. Ed ecco allora che prendono forma iniziative finalizzate al coinvolgimento degli utenti, sempre a caccia di curiosità e occasioni: l'obiettivo può essere ottenere più visualizzazioni, più commenti o più "mi piace". In ogni caso il fine è ottenere quel "buzz" che può provocare un buon effetto virale.

Utilizzo di Facebook
È quello che ha fatto Svicom col parco commerciale Barimax per lanciare il nuovo payoff " il MAXimo per i tuoi desideri". Un gioco a premi ha coinvolto soprattutto i giovani, attraverso la radio e Facebook. La dinamica consisteva nel condividere sulla bacheca della pagina Facebook di Barimax il proprio desiderio più grande e invitare gli amici a cliccare sul "mi piace". In palio ogni giorno buoni acquisto da 100 euro per coloro che esprimevano il desiderio più popolare. L'obiettivo era farsi conoscere e apprezzare ottenendo il più alto numero di adesioni alla pagina appena creata. Dopo appena 3 settimane la pagina ha ottenuto più di 8.000 fan.
Un altro esempio è il concorso "Jingle Mania" del centro commerciale Bariblu a Triggiano, anch'esso gestito da Svicom. I clienti erano invitati a interpretare il loro modo di "vivere il centro", leit motiv della campagna di comunicazione del centro, interpretando una canzone famosa a tema Bariblu. Ancora una volta un mezzo tradizionale, come la radio in-store, ha reso protagonisti gli ospiti del centro. Tutte le esibizioni sono state caricate su Youtube, sulla pagina Facebook e sul sito del centro. Le affluenze nel periodo dell'iniziativa sono aumentate mediamente del il 20%, frutto del passaparola dei clienti.

Allegati

Cci2011-2_farinola

LASCIA UN COMMENTO