Conad al Ministro Calenda: “Liberalizzate i farmaci di fascia C”

liberalizziamoci_Conad
Conad ha indirizzato al ministro dello Sviluppo economico Carlo Calenda una precisa richiesta di liberalizzare i farmaci di fascia C

La lettera indirizzata al ministro dello Sviluppo economico Carlo Calenda da Conad, pubblicata in una pagina a pagamento sui principali quotidiani, è una precisa richiesta di liberalizzare i farmaci di fascia C, esclusi dalla copertura del Servizio sanitario nazionale e quindi a carico del cittadino, con obbligo di ricetta medica. La lettera inizia con una frase volutamente riportata a caratteri cubitali: “Caro ministro, 170.000 italiani ti scrivono” a indicare che 170mila cittadini "hanno aderito per primi alla petizione per la liberalizzazione dei farmaci di fascia C" promossa dalla stessa società.

Nella missiva si legge: "Noi di Conad siamo fermamente convinti che la libera concorrenza tra farmacie e parafarmacie sia una delle sane prerogative dell'economia di mercato e che si risolva in una serie di conquiste di civiltà". Conad le sintetizza così: "Un prezzo 'calmierato', cioè più basso per il consumatore; una pari dignità riconosciuta allo status di farmacista; un freno all'attività, spesso famelica e cinica, delle lobby che agiscono a tutela esclusiva degli interessi delle multinazionali del farmaco".

 

CONDIVIDI
Articolo precedenteWalmart potenzia l’eCommerce con Modcloth
Articolo successivoMercato pubblicitario stazionario a inizio 2017
Vivo e lavoro in Sicilia, terra di spiazzanti contrasti e di straordinarie virtù. La cronaca mi ha battezzato, il retail mi ha conquistato. Seguo l’evoluzione e lo sviluppo delle insegne food e non food sul territorio. Amo libri, teatro e cinema in egual misura. E scrivo per lavoro e per passione.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here