Ecosostenibile: gli italiani vorrebbero ma lo scetticismo rallenta i propositi

Consumi green – Nessuna sottrazione a logiche ecoattente in piena consapevolezza e con alcune barriere. (Da MARK UP 192)

Registrati gratuitamente per scaricare il pdf con la versione completa dell'articolo >


1.
Gli italiani acquistano green ma solo se credono nel produttore
e nel retailer

2. Il prezzo può essere
una barriera


Cosa spinge i consumatori ad acquistare prodotti a basso impatto ambientale? Sicuramente la consapevolezza di poter incidere con il proprio comportamento di acquisto e consumo sull'ambiente circostante. Il consumatore è maturo e cosciente del ruolo che gioca e per questo non si sottrae a logiche ecoattente, senza dimenticare la sua natura di acquirente. È solo cambiata la visuale, dove il perimetro dell'acquisto tout court è stato superato per abbracciare acquisti più consapevoli. Senza tralasciare la leva del prezzo che, anche nel caso di prodotti sostenibili, resta al centro dell'attenzione. A conferma di questa visuale viene in supporto una ricerca condotta da SymphonyIri Group nella quale si profila un consumatore tutt'altro che arrendevole, che vuole consumare meno se questo può salvare il pianeta e che ritiene necessario agire ora senza compromessi. Il 90,1% degli italiani è concorde nell'affermare che il proprio modo di vivere spesso nuoce all'ambiente. Un plebiscito che sottolinea quanto sia spiccata nel consumatore la percezione del problema e che mette in luce quanto sia già tangibile agli occhi dell'opinione pubblica l'incertezza del domani.

La scelta di acquisto
Davanti allo scaffale di un punto di vendita il consumatore non ha dubbi: tra due prodotti uguali compra quello con minore impatto ambientale. Nessun tentennamento per il 59,2% dei consumatori che sempre o spesso acquista generi ecosostenibili. Attenzione è riservata, inoltre, ai packaging che devono essere strettamente necessari a contenere il prodotto. Ma se da una parte il consumatore si aspetta di trovare sui lineari più prodotti green, dall'altra non mantiene un comportamento altrettanto verde in tema di movimentazione. All'insegna della comodità, o forse impossibilitato a raggiungere il punto di vendita per le lunghe distanze, il consumatore non rinuncia alla macchina e utilizza le quattro ruote per fare la spesa. Un comportamento tutt'altro che ecologico che, però, in parte viene compensato dal fatto che oltre la maggioranza del campione porta con sé una borsa della spesa.
Alcune barriere
Come già accennato il prezzo è percepito dai consumatori come una barriera alla sostenibilità. I prodotti green sono ritenuti troppo costosi rispetto a quelli equivalenti e non ecoattenti. Viene meno, quindi, la predisposizione a voler pagare prezzi più elevati per prodotti meno inquinanti. Un ulteriore ostacolo all'acquisto ecosostenibile è il tempo. Sono in molti a ritenere che ci voglia molto tempo per identificare i prodotti ecologici nei supermercati complici probabilmente assortimenti complessivi molto articolati e una poco chiara comunicazione instore.
condivisione
I consumatori non ritengono di essere gli unici imputati. Emerge, infatti, un riconoscimento di responsabilità diretta sia dei produttori sia dei distributori. Con una preponderanza dei produttori con l'86% versus il 77% dei distributori, queste due categorie agli occhi dei consumatori non si sottraggono al loro grado di responsabilità in tema di problemi ambientali. Inoltre un grado di scetticismo sembra aleggiare tra i consumatori che ritengono l'impegno dei produttori nei confronti dell'ambiente motivato solo dall'aumento di redditività.

I retailer in Italia sono attivi e lo comunicano via web
I consumatori manifestano scetticismo nei confronti dei prodotti definiti ecosostenibili così come sono refrattari verso l'operato di alcuni retailer ritenuti ancora un po' troppo distanti da queste tematiche. La percezione che MARK UP ha è che manchi, invece, un'equa comunicazione che possa mettere a conoscenza quanto finora compiuto dal mondo retail.
Da una ricerca condotta da Sda Bocconi e SymphonyIri Group su 120 siti estrapoliamo alcuni casi interessanti meritevoli di attenzione comunicati dai retailer attraverso il web. ...


Allegati

192-MKUP-Ecosostenibile
di Anna Bertolini / settembre 2010

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here