La nuova rivoluzione industriale secondo Philips

Frans HoutenAl World Economic Forum di Davos, sul tema della quarta rivoluzione industriale, ha portato il suo contributo anche Philips. Salute e benessere delle persone sono la nuova frontiera dell'impresa olandese. La declinazione di Philips prevede un nuovo sistema dell’healthcare umano-centrico e portatore di valore per le persone; il ruolo cruciale della sostenibilità e nuovi modelli di business a beneficio dell’umanità.

La ricerca e sviluppo di Philips è indirizzata a superare l’attuale concezione dell’healthcare: da costo da minimizzare a investimento da ottimizzare. Motivare le persone ad avere un ruolo più attivo partendo da uno stile di vita sano, passando per la prevenzione fino alle fasi di diagnosi, cura e convalescenza, tornando poi alla prevenzione, in un ciclo continuo della salute. Attualmente già oltre 275 milioni di pazienti sono monitorati annualmente attraverso macchinari e soluzioni Philips negli ospedali. Questa esperienza permette di individuare il mondo digitale come fattore abilitante della nuova trasformazione del mondo della salute: Philips ha infatti messo a punto una piattaforma, che su tecnologia cloud consente di sviluppare un modello informativo collaborativo che coinvolge professionisti e pazienti. Su questa piattaforma, lo scorso settembre, allo Leiden University Medical Center nei Paesi Bassi, ha preso avvio un progetto pilota per la diagnosi e la gestione dei dati sul cancro alla prostata con l’utilizzo del sistema “miProstate”. Philips ha innovato nell’ambito della telemedicina promuovendo l’empowerment del paziente nella gestione delle malattie croniche e favorendo le cure domiciliari. Il progetto pilota “The Intensive Ambulatory Care (IAC)” sviluppato da Philips e Banner Health negli Stati Uniti con pazienti affetti da malattie croniche le cui cure incidevano pesantemente sui costi sanitari ha dato esiti molto incoraggianti. L'analisi dei risultati su ogni paziente nei primi sei mesi ha dimostrato che il programma è stato in grado di ridurre del 27% i costi di cura, del 32% i costi legati alle cure e all’assistenza a lungo temine e del 45% i costi di ospedalizzazione.

Addio al core business? Ovviamente no, nel senso che l'altro versante cruciale dell'impresa risulta essere la sostenibilità, in particolare nell'ambito del miglioramento dell'efficienza energetica e dell'illuminazione. Philips punta molto sul potenziale del LED e dei sistemi connessi: tra i progetti più rilevanti è quello di The Edge, ad Amsterdam, il primo building di uffici al mondo ad essere equipaggiato con l’innovativo sistema di illuminazione connessa di Philips basato sulla tecnologia Power over Ethernet.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here