Laboratorio Tematico Prodotto “DAL DIRE AL FARE”

Milano, 30 Maggio – Il Laboratorio affronta il tema dell’innovazione di prodotti e servizi dal punto di vista dell’impresa. Migliorare la qualità della vita attraverso innovazioni significative e sostenibile

Il Laboratorio affronta il tema dell'innovazione di prodotti e servizi dal punto di vista dell'impresa. Migliorare la qualità della vita attraverso innovazioni significative e sostenibili: questo l'impegno delle imprese per offrire soluzioni che facilitino stili di vita più responsabili. Qualità, sicurezza, economicità ma anche eticità, trasparenza, naturalità: queste le caratteristiche che il consumatore oggi vuole trovare nel prodotto che acquista. Un consumatore che chiede sempre più alle imprese di avere le informazioni adeguate per operare scelte consapevoli.



Location
L'incontro si svolgerà il 30 maggio dalle 14 alle 16 presso Università Bocconi di Milano nella aula seminari AS 01 (piano - 2).


Stefano Pogutz, Direttore Master in Green Management, Energy and CSR, Università Bocconi stefano.pogutz@unibocconi.it


Paolo Landoni, Condirettore Master Open Innovation and Knowledge Transfer, Politecnico di Milano paolo.landoni@polimi.it



Sergio Tonfi, Corporate Communication Manager Philips sergio.tonfi@philips.com


Paolo Viola, Direttore Area Tecnica Amiacque Contatto roberta.Pupa@amiacque.it


Cecilia de' Guarinoni, Corporate Communications Manager Henkel cecilia.deguarinoni@it.henkel.com


Enzo Argante, Presidente Nuvola Verde eargante@gmail.com


Saranno presenti anche gli studenti del Master Bocconi che hanno realizzato un'attività in collaborazione con Henkel e Cristina Lazzati Vice Direttore Area Retail Business Media Gruppo 24 ORE.


L'incontro sarà introdotto da due interventi di scenario, seguono gli interventi delle imprese etavola rotonda.


Stefano Pogutz, Direttore Master in Green Management, Energy and CSR, Università Bocconi.
Nell'ultimo decennio, i dati scientifici evidenziano un peggioramento significativo nella maggior parte degli indicatori di sostenibilità sia a livello globale, che locale. Viviamo in un'era che è stata definita dal premio Nobel P.J. Crutzen “Antropocene”, ad indicare l'impatto della specie umana sulle dinamiche e sugli equilibri del Pianeta. Oltre alla crescita demografica, uno dei principali driver della pressione sugli ecosistemi è il modello di produzione e consumo occidentale. Il tema della sostenibilità pertanto richiede di intervenire profondamente lungo due principali linee di azione: use less and consume less e use less and produce more. In questo quadro, l'innovazione rappresenta la variabile chiave, aprendo opportunità per cogliere le nuove tendenze di consumo e reinterpretare il modo di realizzare l'offerta. In altre parole, rompendo il legame tra materialità (quantità) e valore (qualità e benessere). Durante l'intervento verranno proposti esempi e casi concreti.


Paolo Landoni, Condirettore Master Open Innovation and Knowledge Transfer, Politecnico di Milano.
Iillustrerà principalmente alcuni nuovi trend e fattori di successo nello sviluppo di un nuovo prodotto. In particolare parlerà delle innovazioni di significato contrapposte alle innovazioni tecnologiche e alle innovazioni guidate dagli utenti. Introdurrà anche il tema del possibile ruolo delle organizzazioni non profit nei processi di innovazione.


Sergio Tonfi, Corporate Communication Manager Philips .Le grandi aziende come Philips giocano un ruolo fondamentale nel determinare la qualità della vita di milioni di persone, poiché immettono sul mercato un enorme numero di prodotti e soluzioni. La loro responsabilità è quindi quella di trasformarsi in una parte essenziale della soluzione ai problemi che la nostra società deve affrontare. Per farlo, occorre che l'innovazione sia la linfa vitale con cui mettere davvero la tecnologia al servizio dell'uomo, dei suoi nuovi desideri, ma soprattutto dei suoi nuovi problemi. La tecnologia di cui abbiamo bisogno è già ampiamente disponibile; la sfida non è la tecnologia, ma il modo in cui utilizzarla.


Philips è impegnata ogni giorno in questo percorso, guidata dalla voglia di contribuire ad uno sviluppo più sostenibile per tutti e per rispondere a sfide epocali come l'invecchiamento progressivo della popolazione, il crescente bisogno energetico o la richiesta di un crescente benessere da parte degli individui in tutto il mondo, ed investe più del 7% del suo fatturato globale in Ricerca e Sviluppo e più di 1 miliardo di € all'anno in Innovazione “Green”. Ma non basta: l'innovazione viene messa al centro della strategia di crescita sostenibile di ogni combinazione business-mercato nelle numerose categorie in cui siamo presenti. Sia nel campo dell'Healthcare, dove si tende a soluzioni sempre più sofisticate ma meno invasive e ad un progressivo allargamento dell'utilizzo di tecnologie medicali anche all'ambito domestico, sia in quello del Lighting, in cui l'industria sta vivendo una vera e propria rivoluzione grazie all'introduzione dei LED, fino ad arrivare agli ambiti più vicini ai consumatori, con innovazioni che tendono a proporre uno stile di vita più salutare. Salute e benessere sono quindi il campo d'azione scelto da Philips per contribuire alla realizzazione di un mondo migliore, più sostenibile e vivibile per tutti. Una sfida entusiasmante per tutti coloro che condividono la passione Philips con l'obiettivo di toccare la vita di almeno 3 miliardi di persone all'anno entro il 2025.


Paolo Viola, Direttore Area Tecnica Amiacque
Presenterà l'attività di Amiacquee l'impegno dell'azienda per un controllo puntuale e accurato della qualità dell'acqua già dalle falde acquifere (anche se metà circa è già di buona qualità alla fonte e immessa in rete senza bisogno di alcun trattamento). L'azienda garantisce la potabilità dell'acqua con accurati controlli quotidiani ed è certificata dall'etichetta che viene inviata trimestralmente agli utenti insieme alla fattura dei consumi. Inoltre dispone di laboratori di analisi moderni e tecnologicamente avanzati: una squadra di tecnici effettua quotidianamente prelievi di acqua dai pozzi e dalle reti e i campionivengono analizzati in laboratorio il giorno stesso. La conseguenza diretta dell'utilizzo dell'acqua è la produzione di scarichi che, per poter essere restituiti all'ambiente, devono necessariamente essere sottoposti a un trattamento depurativo. Gli impianti disposti sul territorio servito da Amiacque depurano le acque reflue prima del loro scarico nell'ambiente, rispettando i valori di concentrazione limite delle diverse sostanze imposti dalla normativa che potrebbero mettere in pericolo la salute umana, nuocere alle risorse ed alle biodiversità dell'ecosistema idrico, compromettere le attrattive od ostacolare altri impieghi delle acque.



Cecilia de' Guarinoni, Corporate Communications Manager Henkel.
L'intervento prevede il coinvolgimento attivo degli studenti del Master MAGER che ci faranno riflettere su quello che oggi si comunica sul prodotto attraverso i vari simboli e quali potrebbero essere le possibilità di comunicare i contenuti di sostenibilità in un modo più efficace per i consumatori del prossimo futuro. La riflessione prende in considerazione le possibilità di comunicazione a scaffale sul punto di vendita poiché sempre di più vi è la necessità di comunicare al momento dell'atto di acquisto aiutando il consumatore ad orientare le proprie scelte in modo consapevole e responsabile.


5 - Scaletta interventi e tempi
scaletta di massima degli interventi e dei tempi previsti .














































14



Apertura dei lavori a cura di Enzo Argante



14.10



Intervento di Stefano Pogutz Università Bocconi



14.25



Intervento di Paolo Landoni Politecnico



14.40



Intervento Paolo Viola Amiacque



14.55



Intervento Philips


Sergio Tonfi



15.10



Intervento Cecilia de' Guarinoni Henkel



Presentazione in collaborazione con gli studenti del Master MAGER del lavoro realizzato con Henkel; sarà presente anche Cristina Lazzati Vice Direttore Area Retail Business Media Gruppo 24 ORE



15.40



Domande ai relatori e al pubblico in sala


Coordina Enzo Argante



16



Conclusioni a cura di Enzo Argante


LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here