Lo store brand esprime i valori d’insegna mettendo in luce competenze ed expertise

Copacker & Store Brand 2011 – Assortimenti differenti con un’unica strategia: buon rapporto qualità/prezzo aspettando il nuovo rapporto valore/prezzo

Registrati gratuitamente per scaricare il pdf con la versione completa dell'articolo >

Gli store brand rappresentano uno degli artefici del pozionamento di un’insegna. Sono, infatti, la testimonianza più tangibile della sua expertise, delle sue competenze, del suo essere marca, della capacità di intercettare nuovi trend sociali e di consumo. Attualmente sono al centro di una rivoluzione che molti retailer hanno messo in atto nei propri assortimenti indirizzandosi al ribasso con l’implementazione di nuove linee di store brand. Puntando al category management e alla collaborazione verticale con i fornitori, le catene distributive rivedono le loro gamme assortimentali riducendo sia in profondità sia in ampiezza molte delle categorie a marchio proprio presenti sugli scaffali. E con i cambiamenti sociali avvenuti in questi ultimi anni legati a elementi congiunturali con i quali si è avviata una trasformazione dei comportamenti d’acquisto e di consumo, gli store brand registrano tra gli italiani il 90% dei consensi. A tale percentuale ammonta, infatti, la quota di connazionali che nel corso del 2009 ha acquistato almeno un prodotto a marchio o store brand. Sono consumatori razionali, informati, attenti alla sostenibilità dei prodotti e con un buon livello di differenziazione degli acquisti in relazione alla categoria di riferimento. Gli store brand rappresentano per gli italiani una scelta consapevole che si focalizza sull’attenzione al rapporto qualità-prezzo con una forte percezione su valori quali sobrietà ed eguaglianza. Il loro apprezzamento dipende, inoltre, anche dall’essere in grado di semplificare la scelta di acquisto e dal legame con il territorio.

Lo scenario
Considerando il solo largo consumo confezionato, sono oltre 23.000 gli store brand in assortimento nella grande distribuzione italiana; una cifra che sale a più di 28.000 se si considera anche il non-food. Questi numeri, estratti dal Rapporto Marca by Adem Lab, danno una lettura chiara del settore che vede nelle marche insegna il principale traino (72% in numerica sul totale referenze) seguite dalla marche di primo prezzo, premium e di fantasia. Mediamente l’assortimento di store brand muta con il format distributivo: il numero di referenze cresce, infatti, con l’aumentare delle dimensioni del punto di vendita. Tra gli obiettivi, la crescita di quote di mercato, lo sviluppo della notorietà del brand e l’introduzione di nuove referenze.
...

Nel Pdf
· tipo di assortimenti insegna per insegna
· l'approccio verso gli store brand

Allegati

StoreBrand_Valori-insegna
di Anna Bertolini / gennaio 2011

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here