Marketing web: quali tecnologie di relazione con il consumatore?

Comunicazione – Va bene il 2.0 ma bisogna andare oltre con profonde segmentazioni e fantasia. (Da MARK UP 191)

Registrati gratuitamente per scaricare il pdf con la versione completa dell'articolo >

1.
Il cliente è uno strumento attivo
di comunicazione
2. Al target deve corrispondere il canale

Oggi si parla, in termini di marketing moderno, di soluzioni commerciali o campagne promozionali in ottica 2.0.
Il 2.0 significa la creazione di una relazione continua, specie attraverso il mondo internet tra consumatore e azienda di distribuzione.
La rete in termini numerici è impressionante, a livello nazionale: circa 32 milioni di utenti compresi tra gli 11 e i 34 anni, con un incremento del 12% rispetto al 2008 (fonte: web 2010), audience medio giorno di 12 milioni, pari a 1 ora e 36 minuti, il nord ovest e in particolar modo la Lombardia si attestano come i più alti fruitori di internet con 3,7 milioni di utenti attivi in giorno medio.
Il paradigma è semplice: il cliente diviene un vero e proprio strumento di comunicazione attiva. Non si tratta di un semplice passa parola pubblicitario, ma di una vera e propria trasmissione di un'esperienza di shopping.
Alcune catene distributive l'hanno capito con intelligenza e si muovono nel cyberspazio con saggezza economica (è facile caricarsi di costi difficilmente sostenibili) e promozione costante.
Il meccanismo, una volta individuato, è lineare: il segreto è individuare il target più corretto per il tipo di messaggio individuato e scegliere il canale mediatico adeguato.
La rete offre una moltitudine di strumenti. I più utilizzati, con elevati livelli di innovazione di marketing sono: i siti istituzionali (spesso associati alla sezione di acquisto online), i wiki (ovvero le enciclopedie multimediali), i social network (facebook, twitter), il mobile (applicazioni Iphone, per esempio), i blog (liberi).

Tanti strumenti, un'unica direzione: la multicanalità integrata
I principi di multicanalità divengono sempre più strategici. Per le catene di distribuzione, quindi, il punto di vendita non è più l'unico elemento di contatto con il consumatore. Non si tratta solo di comunicazione istituzionale o promozionale, ma di una forma sofisticata di creazione di web community integrate tra loro, capaci di generare informazione e trasmetterla in tempo reale, determinate a creare valore di brand. Alcuni esempi eccellenti iniziano a comparire anche sul territorio nazionale.
Un caso interessante del mondo dell'alimentare è Coop. Un'azienda retail del mondo food, fortemente radicata sul territorio. Ma vediamo come questa realtà ha iniziato a muoversi in maniera coordinata sul web, esaminandone la sua razionale presenza.

L'analisi della strategia Coop è nella versione Pdf.

Allegati

191-MKLAB-MktgWeb
di M.O. / luglio 2010

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here