Money Farm, una kermesse per l’educazione finanziaria

MoneyFarm, società indipendente di consulenza finanziaria online, mette a disposizione nei 200 mq della Moneyfarm Investment Boutique (Mib), in via Fiori Chiari angolo via Formentini 9, nel quartiere Brera, Milano, dal 16 maggio all’8 luglio, uno spazio per una serie di eventi didattici destinati ai bambini. L'obiettivo è contribuire all'educazione e alla divulgazione finanziaria, materie delle quali c'è urgentissimo bisogno, visto gli scandali esplosi negli ultimi anni in Italia, dalla Parmalat fino ai recenti casi delle 4 grandi banche regionali che vendevano obbligazioni rischiosissime spacciandole per titoli sicuri. È anche sull'analfabetismo finanziario -tra i più elevati in Italia, anche fra persone di cultura medio/alta- che fanno breccia le malevoli arti persuasive delle numerose Sirene che ancora infestano il mondo bancario e finanziario.
La kermesse prevede 30 ore di lezioni di "coding" per bambini, 8 di educazione finanziaria a studenti di medie e superiori, 7 “financial breakfast” per analizzare e capire le notizie di economia e finanza della settimana e altrettanti “Wednesday talks” (salotti del mercoledì): aperitivi e dialoghi con il mondo dell’impresa, dell’innovazione e dell’economia. Ed ancora, due serate Pianocity, 6 degustazioni di vini e gli Independent Days, dedicati ai diversi ordini professionali con le parole di chi si è distinto per indipendenza nel suo settore. Il calendario è consultabile sul sito.

Educare alla finanza onesta (rarissima avis)
Lo spazio che ospiterà Mib sarà allestito come vero e proprio museo di educazione finanziaria: i visitatori scopriranno, interagendo con installazioni di significato metaforico, realizzate in legno, il valore della diversificazione negli investimenti, una serie di luoghi comuni, errati, sulla finanza e la propria attitudine come investitore. Oltre al team di MoneyFarm di Milano, Cagliari e Londra, ad alternarsi sul palco ci saranno, fra gli altri, Leonardo Etro (Università Bocconi), imprenditori come Fabio Di Gioia (Foodscovery), giornalisti (per esempio, Roberta Carlini), manager come Francesco Guidara di Boston Consulting Group, e poi l’architetto Marco Muscogiuri, Gabriele Grecchi, fondatore di Silk Biomaterials, il team di CoderKids e la Fondazione per l’educazione finanziaria e al risparmio.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here