Nella casa adesso vince la semplificazione illuminata

Esperti – Il neopragmatismo esprime il ridimensionamento che sta attraversando il settore ma anche il rapporto nuovo tra il consumatore e l'ambiente domestico. (Da MARK UP 192)

1.
Anche nella casa, come nel food, ritorna una sana concretezza

2. La casa diventa compatta e flessibile

Nella dimensione abitativa osserviamo consumatori con i piedi ben piantati per terra alla ricerca di un rapporto più equilibrato tra design e funzioni, che si allontanano da forme inutilmente sorprendenti ma che gradiscono progetti che si dimostrano “reali”, grazie a un rigore compositivo che non significa rinuncia ma ritorno a una sana concretezza. Si parla di neopragmatismo, termine che esprime bene il ridimensionamento che sta attraversando il settore ma anche il rapporto nuovo tra il consumatore e la casa: l'ambiente domestico diventa un palcoscenico per soluzioni nuove a problemi e dimensioni reali di una abitazione media e non solo per case da riviste patinate.
Primo esempio
James Dyson, il re dell'aspirapolvere ciclonico, ha presentato qualche mese fa un brevetto per una linea completamente nuova di prodotti: un kit di forma cubica per i piccoli elettrodomestici, ovvero all-in-one, che permette un notevole risparmio di spazio. Solitamente, il frullatore, il tostapane, il bollitore, e il tritatutto sono pezzi voluminosi e separati, che monopolizzano lo spazio circostante. Dyson propone invece un apparecchio rettangolare, un sistema composto da singole unità che possono essere facilmente impilate insieme, eliminando così lo spreco di spazio. Gli apparecchi hanno l'alimentatore in comune, mentre gli interruttori e i comandi sono posizionati su un lato. Il progetto rappresenta una grande opportunità in termini di compattezza e diventa l'apripista per un design all'insegna di sistematizzazione e razionalizzazione dell'esistente.
Secondo esempio
Gli orti verticali sono un'ottima risorsa per chi non dispone di molto spazio: per questo da qualche anno spopolano soluzioni che propongono sofisticati sistemi di irrigazione con tanto di semi da piantare e libretto d'istruzioni. Tanti i progetti brevettati, con sistema di innaffiamento automatizzato, per avere piccole piante e spezie sempre a disposizione, e utili le idee e i consigli low-technology che si trovano online (www.containergardening.wordpress.com) su come si possano realizzare semplici ma efficaci strutture a basso costo. La parola d'ordine è pochi mezzi e tanta sperimentazione del proprio ingegno, come avviene con “l'orto in piedi”, un progetto sviluppato dai detenuti del carcere di Bollate (Mi): un pannello di due metri quadrati diviso in 12 piani, sul quale coltivare erbe e verdure.
Terzo esempio
Enlightenments, cioè “illuminismi”, “illuminazioni”, è il claim adottato da Rotaliana per indicare che in tutti i suoi prodotti c'è una dose, piccola o grande, di qualità “illuminanti”, capaci di intuire e rivelare nuove soluzioni per la vita quotidiana. Nella collezione Rotaliana si affiancano tipologie consolidate e oggetti “straordinari”. Da un lato si lavora su lampade che reinterpretano gli archetipi della storia dell'illuminazione, introducendo nuovi materiali e nuove soluzioni produttive, dall'altro ci si concentra su lampade “ibride” come MultiPot, Eolo e Diva che integrano la luce ad altre prestazioni: la ricarica del cellulare, la musica, la profumazione della casa. Con la ricerca di prestazioni migliori (come il risparmio energetico e la regolazione del flusso luminoso), l'utilizzo di nuove sorgenti luminose e l'introduzione di estetiche e funzioni innovative, Rotaliana rappresenta un esempio emblematico di questa tendenza.
Quarto esempio
Infine, Lago è tra le realtà aziendali che nel panorama del design si sta maggiormente distinguendo per il modo di progettare e presentare i suoi sistemi d'arredo. L'azienda di Pordenone propone da alcuni anni prodotti che si caratterizzano per la semplicità delle forme e la vastissima possibilità di personalizzazione da parte dei clienti, attraverso la scelta di colori e finiture. Di fatto si tratta di moduli sospesi (altra “unicità” di Lago) che vanno a comporre contenitori che possono arredare diversi ambienti, dalla zona giorno alla cucina.

Le strategie del gioco

  • Ottimizzare le risorse, lo spazio e le funzioni dei mobili e degli oggetti per la casa, sperimentando nuove tipologie di prodotto.
  • Sistematizzare e razionalizzare l'esistente in modo ottimale senza dimenticare l'importanza della sensorialità e dell'emozione.
  • Ridimensionare creativamente il basic per garantire un ambiente domestico compatto e flessibile allo stesso tempo.
  • Avvicinarsi al concetto di nuova domesticità attraverso uno spirito di semplificazione “illuminata”.
  • Orchestrare sensorialità e ragione per il raggiungimento di soluzioni semplici e sorprendenti.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here