Per Guinness la pubblicità parte da Instagram, poi va in tv

guinness
Un video da 60 secondi, in bianco e nero, che riporta alla New York degli anni Trenta e racconta la storia di John Hammond, una delle figure più influenti nel panorama musicale del ventesimo secolo, scopritore di talenti come Billie Holiday e Aretha Franklin. Questo lo storytelling a sfondo vintage prescelto da Guinness per il nuovo spot della campagna #MadeofMore, lanciata in Regno Unito ed Irlanda.

Il linguaggio rimanda al documentario storico e il planning della comunicazione toccherà tv, digital e pr. Il brand della birra, detenuto da Diageo, è stato tuttavia il primo nei due Paesi a decidere di presentare la pubblicità in anteprima su Instagram, che ne ha anticipato la messa in onda televisiva.

guinness birra

Secondo Stephen O’Kelly, direttore marketing di Guinness per l’Europa occidentale, quest’ultimo è infatti “il medium perfetto” allo scopo di coinvolgere i giovani con le giuste tempistiche: “Il target a cui ci rivolgiamo cerca informazioni attraverso i social e sappiamo che il nostro contenuto di marca è di maggior valore per i Millennials quando è nuovo. Per questo vogliamo dare a influencer e advocates la possibilità di condividerlo attraverso questi canali prima che sbarchi in tv”.

Da qui in poi, la formula del primo approccio social verrà usata dal brand anche per tutti i prossimi contenuti sviluppati. Tra questi ci saranno quattro mini documentari basati su artisti contemporanei che incarnano e attualizzano lo spirito e la visione di John Hammond.

 

 

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome