Presentato il rapporto Assofranchising Italia 2017

Il secondo il rapporto sullo stato delle reti in Italia, a cura di Assofranchising in collaborazione con l’osservatorio Permanente del Franchising, arriva a poche settimane dalla diffusione dei dati sull’occupazione a cura dell’ISTAT. Presentato al Convegno di apertura di Franchising&Retail Expo a BolognaFiere, lo studio dal titolo ‘Franchising: modernità e ripresa, il segno Più su occupazione e lavoro’ evidenzia che il franchising continua ad essere un'opportunità di sviluppo per i nostri mercati con un giro di affari che si avvicina ai 24 mld di euro ed una crescita complessiva di addetti del 4% (oltre 195.000 secondo il rapporto). Non poco se si considera poi che sono il 25,6% i giovani tra i 25-35 anni che sono imprenditori in franchising.

“Il mercato del lavoro guarda sempre più a forme di autoimpiego, come il franchising, che offre diverse possibilità in diversi settori con investimenti contenuti - sottolinea Italo Bussoli, presidente di Assofranchising. Oggi, per diversi fattori, il franchising è un’opportunità professionale sempre più ricercata, grazie al fatto che l’imprenditore in franchising stringe un accordo con un’azienda, il franchisor, che ha già sperimentato il suo business format di successo, e che dispone quindi di adeguate competenze e strumenti utili per fare impresa in modo competitivo in un mondo dove sono sempre di più gli aspetti ai quali dedicarsi e che con le sole proprie forze è difficile se non impossibile seguire al meglio.
Il franchising ha poi spesso e volentieri una presa migliore sui fornitori ai quali ci si rivolge per il proprio business: proprietari di location commerciali, banche per finanziamenti, fornitori vari con accordi quadro sicuramente molto più vantaggiosi grazie alle economie di scala messe in campo dal franchisor in favore della sua rete di affiliati.
Terzo punto qualificante - conclude Bussoli - è la possibilità di intraprendere in franchising in maniera trasversale rispetto ai settori merceologici e con investimenti che possono essere molto contenuti (il 31% richiede un investimento iniziale compreso tra i 20 ed i 50.000 euro) o raggiungere cifre importanti per investitori che desiderano diversificare l’attività.”

Tra le categorie che trainano il franchising nota particolare per la Ristorazione che arriva complessivamente a quasi 2,5 miliardi di euro di fatturato (nel 2013 erano 2 miliardi), 36.000 addetti occupati (compreso franchisee) e 3.800 punti vendita in franchising.
In netta crescita il settore del benessere, salute, erboristerie, dietetica, estetica, parafarmaceutica che arriva a generare 270 milioni di giro d’affari nel 2016 (+25%).
Infine la Gdo Food - Alimentari In Franchising si conferma in crescita. In questa categoria rientrano non solo i player della Gdo, tra i quali spiccano i discount per performance, ma anche tutti quei formati di vendita di prodotti alimentari che si stanno via via tipicizzando in format distinti (negozi per celiaci, bio, tipici regionali, pescherie, fruttivendoli, etc.).
Uno scenario decisamente incoraggiante se si pensa anche alle maggiori possibilità di accesso al credito grazie ad accordi con banche ed istituti di credito.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here