Quanto sarà digitale il 2017?

Saremo sempre più connessi, l'importanza dei social media aumenterà, così come Iot e intelligenza artificiale diventeranno parte integrante della quotidianità (da Mark Up n. 255)

Il 2017, dal punto di vista delle tecnologie digitali che hanno a che fare con la comunicazione, nel senso più ampio del termine, vedrà il consolidamento di alcuni trend importanti e capaci di contribuire ad accelerare processi di trasformazione profonda della nostra società.
1)  La  connettività  sarà  sempre  più  pervasiva. Secondo i dati di Internet World Stats, il 2016 ha visto il superamento di una soglia importante: oltre il 50% della popolazione mondiale è connessa a internet. il 2017 vedrà proseguire  questa  riduzione  del  digital  divide  mondiale  grazie all’accelerazione nella diffusione delle reti dati 4G (LtE), capaci di portare la banda larga anche nelle aree periferiche.
2)  La  propagazione  dell’IoT  accelererà  con  forza.  Gli  sviluppi  più  evidenti  riguarderanno  mobilità  veicolare e smart home. La  casa,  in  particolare,  diventerà  un  collettore  di  dispositivi  interconnessi finalizzati alla gestione del benessere, alla semplificazione  di  attività  come  l’acquisto  di  prodotti  online  (Amazon Dash Button ne è un esempio) o la pulizia della casa (con robot sempre più efficaci), e infine all’entertainment. L’Ericsson  Mobility  Report  prevede  che  il  numero  totale  dei
dispositivi connessi nel 2017 sfiorerà i 20 miliardi.
3) I social media saranno sempre più influenti. L’elezione di Donald Trump ha dimostrato chiaramente che, oggi, l’influenza dei contenuti pubblicati sui social media è talmente elevata da poter contrastare efficacemente tutti i canali di comunicazione  tradizionali.  Ciò  amplificherà  il  dibattito  sulla  liceità di questo potere, così concentrato in pochi grandi attori, ponendo nuove questioni politiche, etiche ed economiche.
4) Il processo di accentramento dei big player dell’era digitale non accennerà a diminuire. Aziende come Apple, Facebook, Google e Microsoft, detentrici di enormi capacità economiche, proseguiranno le loro campagne acquisti. Uno dei primi grandi obiettivi sarà twitter, ma anche realtà  come  snapchat  saranno  nel  mirino  delle  aziende  più
grandi. Occorre ricordare che, nel 2016, Microsoft ha chiuso  la  sua  più  grande  acquisizione,  offrendo  26,2  miliardi  di  dollari per Linkedin.
5) I contenuti digitali vedranno un’ulteriore crescita dei video. Il comportamento degli utenti va in questa direzione, stimolato dall’utilizzo sempre più mobile del web. A conferma di ciò, nel mese di ottobre 2016, il traffico internet generato nel mondo da smartphone e tablet ha superato quello dai computer (51,3% contro 48,7%, dati IstatCounter). I video evolveranno verso la realtà aumentata, l’interattività a 360° e la risoluzione 4K, tendenze oggi ancora di nicchia, ma che esploderanno.
6) L’intelligenza artificiale (IA) sarà  parte  della  quotidianità.  L’introduzione di assistenti personali, come siri, Google Now e Cortana, rappresenta il primo passo verso  nuove  forme  di  comunicazione  uomo-macchina che troveranno nel 2017 un forte sviluppo. L’iA non sarà più basata solamente sul cloud, ma si sposterà sui dispositivi locali ed entrerà nelle abitudini di molti utenti. Sul lato aziendale, l’iA si svilupperà nei sistemi di business intelligence. I punti citati non sono esaustivi ed è chiaro che rappresentano tendenze fortemente interconnesse, a loro volta parte di un più ampio processo che possiamo identificare nella terza  Rivoluzione  Industriale.  Un  consiglio  per  il  2017?  Osservare,  studiare,  sperimentare  per  capire  la  portata  dei  cambiamenti in atto.

No items found

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome