Retail, andamenti e produttività

ECONOMIA & ANALISI – Nel primo semestre 2011 le vendite complessive sono cresciute del 2,9% in valore. Ma la produttività è in generale calo da tre anni (da MARKUP 204)

Per l'articolo completo scaricare il Pdf

Oltre al classico corredo statistico su economia e consumi italiani, il Rapporto Coop 2011 contiene un capitolo, il sesto, dedicato alla Gda, ricchissimo di dati e informazioni sull'evoluzione della rete distributiva, nelle sue variabili fisiche (consistenza di rete) ed economiche (fatturati, produttività, indicatori- chiave di conto economico), con specifici ingrandimenti a livello di regioni e provincie. La distribuzione italiana, intesa come complesso di formati e canali che riportano all'area del commercio al dettaglio a libero servizio su piccole, medie e grandi superfici, indipendentemente dalla configurazione societaria e organizzativa (Gd + Da/Do), sta vivendo una fase di forte riflessione dovuta principalmente, ma non solo, alla perdurante situazione di crisi dei consumi che impatta più o meno seriamente sui risultati commerciali (vendite e margini). In questo articolo riprendiamo, commentandole, una serie di tabelle che visualizzano alcune tendenze fondamentali della Gda in questi ultimi tre anni. I dati riportano a tre voci fondamentali per tastare il polso alla distribuzione italiana a libero servizio nelle sue principali segmentazioni dimensionali: -andamento delle vendite a volume e valore -produttività per formati distributivi - saldi aperture/chiusure e cambi di organizzazioni commerciali (network)

  Alimentare: trend delle vendite  
 
 
  valori in milioni di euro e in %  
                                       
      2007   2009   2010   INCIDENZA   VAR. 09/10   VAR. 07/10    
  libero servizio           13.653   12.931   12.366   13,4   -4,4   -9,4    
  super           36.260   37.567   37.951   41,1   1,0   4,7    
  super 400-799           12.595   12.813   12.382   13,4   -3,4   -1,7    
  super 800-1.499           14.033   14.567   14.735   15,9   1,2   5,0    
  super 1.500-2.499           9.631   10.187   10.833   11,7   6,3   12,5    
  iper           28.042   29.993   30.423   32,9   1,4   8,5    
  iper 2.500-4.499           9.206   11.000   11.116   12,0   1,1   20,8    
  iper 4.500-7.999           10.302   10.188   10.451   11,3   2,6   1,4    
  iper =>8.000           8.534   8.805   8.856   9,6   0,6   3,8    
  discount           8.170   11.093   11.660   12,6   5,1   42,7    
  TOTALE           86.125   91.584   92.400   100,0   0,9   7,3    
  Fonte: Nielsen - Rapporto Coop 2011 Consumi e distribuzione    
 
 
  Evoluzione della rete distributiva  
 
 
  variazioni cumulate dicembre 2008-giugno 2011- valori in unità  
                                       
      IPER   SUPER   LIBERO SERVIZIO   DISCOUNT    
  Aperture           93   905   2.332   860    
  Chiusure           22   780   2.866   479    
  Saldo           71   125   -534   381    
  Cambi di organizzazione           58   1.849   5.306   558    
                                       
  *Nel calcolo del saldo tra aperture e chiusure rientrano anche possibili cambi di formati. È evidente il processo di razionalizzazione che interessa le superfici di vendita più piccole. Il libero servizio (superfici inferiori a 400 mq) evidenzia quasi 2.900 chiusure rispetto a un minor numero di aperture (2.332 nuovi negozi) con un saldo negativo di oltre 530 punti di vendita.    
  Fonte: Nielsen - Rapporto Coop 2011 Consumi e distribuzione    
 
 

Vendite aggregate grocery della Gda
Nel primo semestre 2011 il fatturato grocery aggregato della Gda ha registrato +2,9% in valore e +1,0% in volume. Questa tendenza sembra preludere a un'inversione di tendenza rispetto all'andamento deflattivo degli ultimi due anni. Solo in due circostanze le vendite a volume hanno superato quelle in valore: nel biennio 2004-2005 e nel 2010, anno in cui la crescita delle vendite in volume (+1%) ha superato quella in valore (+0,8%). Nel 2009 si è verificato, per la prima volta dal 2000, un calo complessivo (sia in volume sia in valore) del fatturato aggregato.

I format di successo
In termini di vendite al metro quadro, nella dinamica degli ultimi tre anni spiccano solo i discount e altri due formati della Gda: gli ipermercati da 2.500 a 4.500 mq, che crescono di 6 punti percentuali dal 2007 (=100) al 2010, e i supermercati della classe dimensionale 1.500-2.500 mq, che registrano una crescita più modesta di un 1 punto percentuale. I discount hanno aumentato le vendite, a parità di superficie, di 8 punti percentuali. Tutti gli altri formati sono sotto i livelli del 2007, con particolare calo per il libero servizio e gli ipermercati da 4.500 a 8.000 mq, che perdono 9 punti percentuali. Un altro criterio di misurazione delle prestazioni distributive dei singoli formati consiste nello stabilire la produttività della rete in base a quanta superficie di vendita è necessaria per ottenere un punto in più di quota di mercato. Sulla base di questo parametro (si veda grafico 2) nel 2010 alla Gda italiana occorrevano in media 13.000 mq in più per crescere dell'1% in quota di mercato rispetto al 2007. Per le piccole superfici a libero servizio ce ne volevano addirittura 35.000 in più, mentre il discount è l'unico canale/formato a non aver bisogno di crescita fisica di rete. Poco significativa la variazione per i punti di vendita tra 2.500 e 4.500 mq per i quali sono necessari solo 1.000 mq in più. Al contrario, gli ipermercati più grandi (4.500-7.999 mq e oltre 8.000 mq) hanno bisogno rispettivamente di 21.000 e 12.000 mq in più per ottenere 1 punto di quota. A livello di città metropolitane (le principali: Bari, Bologna, Firenze, Genova, Milano, Napoli, Roma, Torino, Venezia) è interessante notare il primato di Firenze (oltre 10.600 euro al mq nel 2010) seguita da Milano (8.700 euro al mq) e Genova (7.348). A livello di canali/formati, il quadro cambia: negli ipermercati e nel libero servizio Genova è prima (12.454 euro al mq negli iper), mentre nei discount si segnala Roma (6.381 euro al mq). Firenze svetta invece nei supermercati.

Saldi aperture/chiusure e passaggi di network
Queste due voci sono molto importanti per inquadrare i processi di riconfigurazione strutturale di un mercato. La prima (saldi aperture/chiusure) è di natura macroeconomica. Nel 2009 e 2010 il numero delle chiusure è rimasto stabile (1.542 nel 2009 e 1.597 nel 2010). Le aperture invece sono state in numero maggiore nei due anni rispetto alle chiusure, accelerando nel 2010 e garantendo un saldo positivo nel biennio per quasi 400 nuovi punti di vendita. Il primo semestre 2011 sembra, invece, preludere a una netta battuta d'arresto: le nuove aperture si sono fermate a 654 unità, numero notevolmente inferiore alle oltre 1.000 chiusure dello stesso periodo, con un saldo negativo che azzera quasi del tutto l'incremento degli ultimi due anni. La seconda voce (passaggi di network) rimanda a un fenomeno ancora più cruciale per l'ambito distributivo (Gda) perché dà una fotografia della stabilità organizzativo/ imprenditoriale della rete. Nel 2010 oltre 3.000 unità hanno cambiato network, fenomeno che tende ad accelerare: nel primo semestre 2011 i cambi sono 1.725. ■

Produttività dei formati
“L'articolo prosegue nel Pdf”

Tasso di sviluppo necessario
“L'articolo prosegue nel Pdf”

Le prime 20 province italiane per crescita
“L'articolo prosegue nel Pdf”

Allegati

204_Retail-andamenti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here