Un mondo di coccole che non tradisce il mercato

La cura alimentare per gli animali domestici accresce ulteriormente il giro d'affari specifico su tutti canali, grazie a un'intensa espansione dei prodotti di maggiore valore (da Mark Up n. 259)

Sempre più coccolati e curati: gli animali da compagnia acquisiscono ulteriore peso in termini di spesa per le famiglie italiane, parallelamente al valore rappresentato dall’emozione di adottarne uno. Cane, gatto, soprattutto, ma anche roditori e piccoli animali, diventano un vero e proprio componente della famiglia. La parte più consistente del giro d’affari rilevato da Nielsen intorno al petfood, escludendo quindi gli accessori, è rappresentato dal cibo per cani e gatti, il 90% del totale, in crescita dell’1%, con un valore pari a 1,2 miliardi di fatturato. Nielsen rileva uno spostamento sui segmenti superpremium, in particolare nel segmento secco, in crescita a doppia cifra, a dimostrazione di una tendenza a una nutrizione sempre più sana e personalizzata sul singolo animale. La tendenza alla cura (maggiore) è testimoniata anche nella crescita a valore degli snack per cani e gatti, rispettivamente 55,7% e  10,7%.
Lo scaffale cresce, e i produttori sono attenti e attivi. “Pur non disponendo di dati aggiornati sugli snack -prosegue Mauro Landini, vice presidente Conagit Spa (Giuntini Petfood)-, anche per il 2016 è rimasto il segmento più performante. E, in linea con i dati di mercato, anche le nostre performance aziendali sono state positive. Nel 2017 l’obiettivo è di incrementare la presenza nei canali ancora poco presidiati”. Positivi i riscontri forniti da Mars Italia, nel bimestre gen/feb 2017: l’anno è cominciato in crescita del 3%, grazie al segno più del cibo per gatti (2,3%) e cani (4%), guidati entrambi dal segmento monoporzione, care&treats e secco. “A chiusura del 2016 si è confermata la tendenza del mercato a una miniaturizzazione dei formati e una premiumizzazione dell’offerta -afferma Valentina Menato, marketing director Petcare&Food di Mars Italia-, un dato facilmente comprensibile se si pensa che sempre di più i nostri amici a quattro zampe sono considerati come membri della famiglia”. Il numero crescente degli animali da compagnia, in particolare cani e gatti, come rileva il rapporto Assalco-Zoomark 2016, pari a 14,5 milioni, unito all’attenzione maggiore da parte dei proprietari di animali, “ha permesso al settore petfood di muoversi in controtendenza rispetto ad altre aree merceologiche -afferma Nicola Lipomani, marketing director specialist di Purina-, continuando a crescere fino a un giro d’affari di oltre 1.914 milioni di euro per un totale di 551.200 tonnellate di prodotti commercializzati. In questo contesto -prosegue Lipomani- quale azienda leader nel petfood, Purina nel 2016 ha registrato una crescita totale Italia del 1,4% rispetto al 2015”. Vista la specializzazione negli articoli per piccoli animali e accessori, Rinaldo Franco analizza il proprio mercato di riferimento, in crescita con percentuali che variano dall’1 al 4% in base ai sottosettori, e mostra un andamento in positivo circa 2-3 volte superiore al mercato. “Nel 2016 salivamo del 6%, nel 2017 la tendenza è del 7% -dichiara Dan Franco, titolare di Rinaldo Franco- grazie al canale specializzato, che è anche il primo nel quale siamo entrati e quello che negli ultimi anni ha avuto un buon rilancio, anche perché abbiamo riposizionato alcuni assortimenti. Nella gdo lavoriamo soprattutto con gli ipermercati, dove eravamo abituati anche a crescere del 30%, mentre ora siamo qualche punto in attivo. Siamo presenti in misura marginale con una selezione di prodotti nei discount, nella gds, come nei brico, e nei grossi bazar non food spesso gestiti da imprenditori cinesi. Si tratta di un canale in sviluppo, con un numero rilevante di aperture”.

L'intero articolo su Mark Up n. 259

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here