WholeFoods cerca fornitori. Ecco le regole di buying

La nota catena alimentare americana specializzata in prodotti di origine controllata e biologici può essere un’opportunità per il food italiano

Basta collegarsi alla pagina web: Information for Potential Suppliers per avere molte informazioni su come proporsi a WholeFoods.

Da sapere
WholeFoods opera in un territorio vastissimo (gli Usa) e per questo motivo gli acquisti sono effettuati su base regionale. Il retailer americano dispone di uffici che fungono da centro di acquisto ognuno dei quali ha regole differenti (L’elenco completo è pubblicato nel sito).

Ad ogni regione corrispondono buyer e coordinatori degli acquisti per le seguenti categorie:

  • Grocery (prodotti secchi, prodotti lattiero-caseari, congelato)
  • Nutrizione (comprende la cura persona)
  • Cibi preparati
  • Ortofrutta
  • Carne
  • Pesce
  • Specialità, che comprende formaggi, birra, e vino

WholeFood richiede anche la comunicazione del costo attraverso una procedura spiegata in un video presente nella pagina di ricerca fornitori. Perché non provare?!

CONDIVIDI
Articolo precedenteeCommerce e festività natalizie: rischi e opportunità per i brand
Articolo successivoGS1 Italy Indicod-Ecr 2015: obiettivo efficienza
Amo il cambiamento e lo vivo con passione, mi occupo di marketing e retail da quindici anni, ho diretto on e off Gdoweek e da qualche tempo anche Mark UP, prima ho seguito con altrettanta passione cinema e lifestyle, ho scritto di moda e di ristoranti, ho lavorato per la televisione e per la radio, ho vissuto almeno tre vite e nessuna mi ha annoiata.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here