Taleggio Dop, crescono il consumo nazionale e l’export

Durante l'assemblea dei soci il presidente del Consorzio, Lorenzo Sangiovanni, fa il punto sulla filiera del Taleggio

A 23 anni dal riconoscimento della Dop il Taleggio è sempre più apprezzato, non solo in Italia ma anche nei paesi Ue ed extra Ue. Negli ultimi anni la produzione si è assestata intorno alle 8.800 tonnellate, pari a circa 4.000.000 di forme di Taleggio prodotte. In Italia cresce il consumo di Taleggio al Sud e nelle Isole. Il 75% della produzione (3.000.000 di forme) viene commercializzato su tutto il territorio nazionale ed il principale canale di vendita è rappresentato dalla gdo.

 

 

Grazie all’importante lavoro svolto dal Consorzio e da tutti i soci, l’export incide per il 25% sul totale della produzione (circa 1.000.000 di forme). I paesi Ue più importanti sono la Germania e la Francia, l’America per il mercato extra Ue.

Il mercato estero rappresenta una delle leve principali per accompagnare l’incremento della produzione anche nei prossimi anni. L’obiettivo a medio termine è di dare una continuità alla crescita anche per gli anni a venire.

 

 

Riguardo alle azioni che il Consorzio intraprenderà per guidare la crescita del Taleggio nel prossimo biennio, il Presidente annuncia la collaborazione con l’agenzia Ideal e sottolinea come, affinché la filiera si posizioni su una traiettoria di crescita forte e di lungo periodo, sia necessario investire in comunicazione per raccontare al meglio a tutti i consumatori i plus di prodotto. 

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome