Agroalimentare: dotazione finanziaria Ue aumentata a 179 milioni

Promozione dei prodotti food nell'agroalimentare comunitario: il budget disponibile cresce. Ci sono ancora cambiamenti nelle priorità tematiche

Investimenti per l'agroalimentare. Il 15 novembre la Commissione per l’agricoltura e lo sviluppo rurale ha adottato il programma di lavoro annuale per il 2018 sulla promozione dei prodotti agricoli e alimentari, sulla base del reg. Ue 1144/2014. Il budget per il cofinanziamento delle azioni di promozione è stato notevolmente aumentato, passando dai 133 milioni di euro del 2017 ai 179,1 milioni di euro disponibili per i programmi che saranno selezionati nel 2018 (+34,7%), la cui durata può andare dai 12 ai 36 mesi.

 

 

Andando a guardare nel dettaglio gli importi degli stanziamenti e come sono variati rispetto all’anno precedente, si conferma l’orientamento generale più volte dichiarato dalla Commissione di voler concentrare le risorse disponibili verso le iniziative rivolte a paesi non UE con il più alto potenziale di crescita e verso i progetti multipli, ovvero quelli presentati da organismi proponenti di Stati Membri diversi. A proposito di paesi target, si segnala come siano stati ulteriormente semplificati i raggruppamenti di aree geografiche per i programmi semplici, tanto da essere arrivati solo a due topic specifici (4 e 5), più uno “paniere” valido per tutte le altre aree, mentre per i progetti multipli si è proceduto a separare nettamente le proposte sul mercato interno (topic A, B e C) da quelle sui paesi terzi (topic D).

In particolare, continua a calare il budget disponibile per i progetti semplici sul mercato interno, mentre cresce del 19% quello per i progetti semplici sui paesi terzi e addirittura sale dell’83,7% quello destinato ai progetti multipli.

 

 

Infine si evidenzia che, come nei due anni precedenti, una parte dei fondi stanziati per le azioni che saranno selezionate nel 2018 è rivolta a settori particolari:

  • carne ovina / caprina sostenibile, per cercare di contrastare l'impatto delle difficoltà in corso che il mercato sta vivendo (topic 3 – progetti semplici);
  • campagne destinate ad aumentare il consumo di frutta e verdura nell'UE nell’ambito della promozione di un'alimentazione sana (topic B – progetti multipli), una risposta diretta alle difficoltà che il settore ortofrutticolo ha dovuto affrontare a causa dell'embargo russo.

Prossimo step: pubblicazione nel gennaio 2018 degli inviti a presentare proposte, in cui sarà resa nota la scadenza per la submission dei progetti di promozione tramite il portale Participant Portal.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome