Aldi, alla ricerca di immobili: potrebbe aprire almeno 200 pdv

Aldi vuole aprire anche da noi. Questo è ormai certo. La sede (headquarters) italiana è a Sommacampagna (Vr). Il sito ufficiale è molto chiaro, nella sua povertà statistica e informativa. La tipologia di asset immobiliari ricercati dal colosso tedesco del discount sono gli unici dati obiettivamente e ufficialmente disponibili: innanzitutto, si tratta di posizioni immobiliari (terreni e/o edifici con destinazione commerciale) siti in comuni con popolazione superiore a 30.000 abitanti.
Gli immobili/terreni devono poi osservare i seguenti 4 criteri:

 

 

  • posizionamento in zone di grande passaggio, con buona visibilità e facilmente accessibili;
  • terreni inedificati di almeno 5.000 mq con possibilità di realizzare una superficie coperta minima di  1.800 mq, con una  superficie di vendita da 1.000 fino a 1.500 mq;
  • edifici esistenti, anche su più livelli, con almeno 1.000 mq di superficie di vendita a piano terra senza dislivello e 300 mq di deposito merce, corredati di zona di carico/scarico;
  • almeno 80 posti auto a raso.

Aldi valuta, relativamente alle location individuate, acquisto, locazione o costituzione di un diritto di superficie.

In Italia ci sono 146 comuni con più di 50.000 abitanti. Nella fascia Istat (agg. 2016) 20.000-59.999 abitanti ci sono 416 comuni che assommano oltre 13 milioni di abitanti, ossia il 23% della popolazione. Considerando tutta la popolazione residente nelle fasce crescenti da 20.000 a +500.000 ab. abbiamo 520 comuni. Aldi potrebbe quindi aprire un numero massimo di punti di vendita non superiore a 520 unità, ipotizzando 1 immobile per comune. Ipotizzando che riesca a trovare gli immobili giusti nella metà di questo campione, Aldi potrebbe aprire, più ragionevolmente, 216 punti di vendita.

 

 

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome