Apot presenta il primo bilancio di sostenibilità

Presentati in anteprima a Trento per iniziativa dell'l’Associazione dei Produttori Ortofrutticoli Trentini, i risultati ottenuti nel settore attraverso le iniziative e i progetti messi in atto nell’ottica della sostenibilità

Tre i principali asset di valutazione del sistema frutticolo trentino: l’uso sostenibile delle risorse presenti sul territorio, la sostenibilità economica e sociale e l’utilizzo delle tecnologie. Il primo dato che emerge è il metodo di rendicontazione che viene utilizzato per comunicare i risultati. La strada della riservatezza è stata abbandonata in favore di una strategia di comunicazione volta alla trasparenza e alla diffusione dei dati disponibili.

Un sistema produttivo all’avanguardia nel panorama internazionale

Il sistema agricolo trentino appare solido e virtuoso pur poggiando su fattori economicamente penalizzanti quali la struttura produttiva frammentata, composta da 30.259 appezzamenti e la dimensione media aziendale di soli 1,4 ettari. In altre parti del mondo, una struttura similare, avrebbe richiesto imponenti risorse per creare sinergie mentre qui, anche grazie al sistema cooperativo, i produttori sono riusciti a portare il sistema a livelli di eccellenza sia in termini di tecniche produttive che di qualità del prodotto.

Agli occhi degli italiani il Trentino è “sostenibile”, sottolinea Roberto Della Casa, docente universitario e titolare della società di ricerche Agroter, che guida il comitato di coordinamento del progetto

Ennio Magnani, presidente Apot
Ennio Magnani, presidente Apot

“Il 78% degli italiani considera l’agricoltura e gli agricoltori trentini rispettosi o molto rispettosi dell’ambiente. Per gli italiani, il Trentino, insieme all’Alto Adige è la regione migliore da questo punto di vista” continua Della Casa. Sul fronte occupazionale, altro fattore di valutazione della sostenibilità del sistema, l’agricoltura trentina è l’unico comparto che ha mostrato un sensibile aumento nel 2016, con un trend in crescita dal 2000 del 7,8%.

Tutto questo si completa con un impegno crescente verso il biologico che vedrà, nei prossimi anni, un aumento degli ettari coltivati in Trentino (passati da 202 nel 2005 a 401 nel 2015).

Celle ipogee Melinda
Celle ipogee Melinda

Molte le iniziative messe in atto in questi anni in termini di sostenibilità, come l’uso di energia rinnovabile al 100%, che oggi permette al sistema frutticolo trentino di abbassare la propria impronta carbonica - l’utilizzo energetico in fase di produzione di kg di mele - che è, per inciso, tra i più bassi al mondo (in compagnia di Francia e Nuova Zelanda). In questo ambito, un esempio tangibile di impegno verso un’agricoltura sostenibile è costituito dalle celle ipogee di Melinda che dovrebbero permettere un risparmio energetico rispetto all’epigeo pari ad oltre il 50% per ogni kg di mele conservato su un orizzonte di 10 anni.

Anche la produzione di energia solare tramite pannelli fotovoltaici è tra i punti fermi sostenuti dal sistema Trentino nell’ottica della sostenibilità

Per quanto riguarda l’acqua, risorsa indispensabile per la produzione ma anche per il territorio, l’utilizzo dei nuovi impianti d’irrigazione (abbandonato il sistema a chioma in favore di quello a goccia) permette un risparmio quantitativo d’acqua pari a al 30,6% annuo. Dal punto di vista produttivo la strada è ormai tracciata e prevede, anche per il futuro, l’utilizzo di tecniche agronomiche a basso impatto ambientale (ad oggi l’intera produzione frutticola trentina è a lotta integrata o biologica), la riduzione dei principi attivi ammessi (oggi il 63% dei fitosanitari utilizzati sono quelli ammessi nel biologico), la messa a dimora di varietà resistenti che richiedono meno trattamenti in campo.

BOX APOT
3 i consorzi rappresentati “Melinda”, "La Trentina" e “Valli Trentine”
6.294 i soci produttori
8.961 gli ettari coltivati
1.400 i lavoratori occupati stabilmente.
44% delle aziende frutticole hanno meno di 1 ettaro di superficie
30.259 gli appezzamenti di terreno
1,4 ettari la dimensione media

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here