Assolatte, formaggi: esportazioni da record e saldi positivi

14694399241959730807_formaggi di bufalaI dati sulle esportazioni 2016 appena pubblicati da Istat dimostrano in modo inequivocabile che nel settore della trasformazione casearia il modello industriale italiano è vincente.

Le esportazioni di formaggi sono infatti cresciute in modo importante sia in termini di volume (abbiamo superato le 388.000 tonnellate, con un salto in avanti dell'8,6%) che di valore, superando di slancio i 2,4 miliardi di euro, un record che fino a pochi anni fa sembrava inarrivabile.

14691966676181706644_origine formaggi"Il nostro modello piace sempre di più in tutto il mondo - dichiara Giuseppe Ambrosi, presidente di Assolatte. Parlo di modello e non solo di prodotti perché è quello che si dimostra vincente, è un insieme di fattori. Al pari di quello che succede nella moda e nel design, quello che piace è la miscela di cultura e di qualità, di sicurezza e di stile di vita tipico del made in Italy. Infatti, portiamo nel mondo i nostri grandi formaggi legati ai territori di origine, come il Grana Padano, il Parmigiano Reggiano, il Gorgonzola, il Pecorino Romano, ma anche tantissimi prodotti di marca. La Mozzarella e il Mascarpone italiani - è bene saperlo - sono in cima alla classifica dei formaggi più apprezzati e comprati nel mondo, perché solo le nostre aziende sanno dare specifiche caratteristiche di qualità a questi formaggi. Il 2016 si chiude così con molti record - conclude Ambrosi. Non avevamo mai esportato tanto e non avevamo mai raggiunto un saldo della bilancia commerciale così elevato".

Fino a qualche anno fa il valore delle importazioni di formaggi superava quello dell'export di quasi un miliardo di euro. Ora la situazione è stata quasi ribaltata: il 2016 si chiude con un saldo positivo che supera gli 867 milioni di euro: il che significa che in uno solo anno è stato registrato un miglioramento del 31%.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here