Auchan Retail conquista il Premio Le Fonti con il Progetto Export

auchan retail italia
Il Progetto Export permette non solo l’esportazione dei prodotti a marchio Auchan, ma anche quella di prodotti di eccellenza nel food and beverage

Il Premio Internazionale Le Fonti, patrocinato dalla Provincia di Milano, dalla Regione Lombardia e dalla Commissione Europea, attivato per premiare le eccellenze italiane del settore industriale, professionale e finanziario, che si sono distinte in merito, innovazione e responsabilità sociale, va a Auchan Retail Italia come eccellenza dell’anno nella categoria speciale Innovazione Grande Distribuzione. La giuria ha riconosciuto l'impegno di Auchan nel portare, attraverso il Progetto Export, un numero sempre maggiore di piccole e medie imprese italiane in contatto con Paesi quali Francia, Spagna, Portogallo, ma anche Russia, Romania, Ucraina, Cina e Taiwan e nell'aver creato una piattaforma online dedicata ai propri fornitori, per aiutarli nella distribuzione su una rete internazionale. Recita così la motivazione: “Attuato tramite una innovativa piattaforma, il Progetto Export permette non solo l’esportazione dei prodotti a marchio Auchan, ma anche quella di prodotti di eccellenza nel food and beverage, valorizzando il Made in Italy. Il progetto parla a imprenditori, distributori e grande distribuzione”.

“Fino ad oggi il progetto Export ha portato sugli scaffali di 25 Paesi del mondo 1200 referenze di 145 PMI italiane con un fatturato che nel 2015 ha segnato una crescita del 102% rispetto al 2014, passando da poco più di 15 milioni di euro a oltre 30 milioni di euro, e punta a raggiungere 70 milioni di euro nel 2018. Tra i prodotti più richiesti ci sono il vino, i prodotti freschi, quelli biologici e i prodotti delle Pmi; il nostro bestseller si conferma il savoiardo - dichiara Alessandro Montanari direttore import-export Auchan Retail Italia - Nell'ultimo anno, oltre alla Francia e alla Spagna, hanno mostrato un incremento del 20% di fatturato sull'importazione Portogallo, Russia, Romania, Ucraina e Lussemburgo, con incoraggianti risultati da parte di Taiwan. L'obiettivo è di raggiungere sempre nuovi mercati e differenziare l'offerta alimentare, anche attraverso le vendite di prodotti stagionali”. Di recente è stata, inoltre, lanciata anche una nuova piattaforma internazionale, chiamata Marketplace, che rende possibile attraverso una intranet B2B un sempre maggiore sviluppo import-export verso i Paesi dove l’insegna è presente.

CONDIVIDI
Articolo precedenteFiliera della carne: è tempo di reagire
Articolo successivoGucci passa al branded content con il suo primo film
Vivo e lavoro in Sicilia, terra di spiazzanti contrasti e di straordinarie virtù. La cronaca mi ha battezzato, il retail mi ha conquistato. Seguo l’evoluzione e lo sviluppo delle insegne food e non food sul territorio. Amo libri, teatro e cinema in egual misura. E scrivo per lavoro e per passione.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here