Al via il primo progetto di banca biologica per il Covid 19

Banco BPM, Università degli Studi di Milano e ASST Fatebenefratelli Sacco di Milano realizzeranno una nuova struttura di ricerca

La sinergia tra soggetti appartenenti a settori differenti è uno strumento efficace per affrontare periodi di crisi sistemica come quello in corso. È il caso di Banco BPM che, grazie a una donazione di 800 mila euro, con la collaborazione dell’Università Statale di Milano e dell’Ospedale Sacco, permetterà di realizzare una banca biologica sul Covid-19 presso l’Ospedale Sacco. Un progetto che consentirà di raccogliere e conservare tutti i campioni biologici, ematici e tessutali, relativi a Covid-19 per studiare e sviluppare strategie diagnostiche e terapeutiche, incluse quelle di tipo vaccinale. La banca biologica sarà gestita grazie al know how dei docenti e dei ricercatori dell’Università degli Studi di Milano. Situata nel padiglione 62 del Sacco al piano interrato, in uno spazio di 280 mq ospiterà un locale dedicato all’accettazione dei campioni, la Biobanca di circa 170 mq in grado di ospitare fino oltre 18 contenitori criogenici, il locale congelatori e un locale per gli impianti tecnologici a servizio della Biobanca stessa.

 

 

"Questo progetto rientra nel quadro delle numerose iniziative messe in campo da Banco BPM a favore del Paese in questa emergenza sanitaria - spiega Giuseppe Castagna, Amministratore Delegato di Banco BPM - ed è particolarmente importante perché incentrato sulla ricerca scientifica, un'attività fondamentale per guardare al futuro. Come banca fortemente radicata sui territori, e al tempo stesso attenta alle eccellenze del nostro Paese, siamo lieti di aver contribuito a un progetto di così alto respiro a fianco dell'Ospedale Sacco e dell'Università di Milano".

 

 

Ha commentato il Rettore dell’Università Statale di Milano Elio Franzini: “Siamo molto grati a Banco BPM per questa generosa elargizione: la Bio Banca Covid 19 consentirà nuove e importanti opportunità alla ricerca scientifica sul virus. I ricercatori dell’Università Statale, già su più fronti impegnati in questa battaglia, metteranno a disposizione di questo progetto la ricchezza multidisciplinare degli ambiti di studio presenti in ateneo, continuando a fare rete con l’eccellenza della clinica rappresentata dall’Ospedale Sacco.”

“Esprimo profonda gratitudine per l’importante contributo alla ricerca offerto da Banco BPM, - dichiara Alessandro Visconti, Direttore Generale dell’ASST Fatebenefratelli Sacco - questo progetto di straordinario rilievo contribuirà, in modo significativo, alla ricerca scientifica sul Covid19, rafforzando ulteriormente la storica collaborazione tra l’Ospedale Sacco e l’Università Statale di Milano”.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome