Beraldo (Ad Ovs): “Anche nella moda imprese e lavoratori da tutelare”

Stefano Beraldo
L'appello lanciato dalle pagine del Sole24Ore in merito alla mancata inclusione del settore tra quelli con particolare tutela nel decreto "Cura Italia"

Che il commercio di abbigliamento e accessori stia subendo e subirà ulteriormente l'impatto negativo delle restrizioni da coronavirus è un dato di fatto. Difficoltà stimate che, non a caso, hanno appena portato il big H&M a ritirare la distribuzione dei dividendo e prendere ulteriori misure cautelari.

 

 

La mancata inclusione del settore tra i "tutelati speciali" del decreto "Cura Italia" ha portato tuttavia Stefano Beraldo, Ad di Ovs Spa, a lanciare un appello dalle pagine del Sole24Ore. L'amministratore delegato parla di grandi e piccole realtà prevalentemente italiane da tutelare insieme ai suo oltre 200.000 dipendenti.

Focus anche sul fatto che, a differenza ad esempio della ristorazione, queste realtà non possano tagliare il grande costo di acquisti di materia prima o manifattura per la collezione primavera-estate, ma anche sul pagamento dell'Iva in dogana su merci che non sono state e non saranno vendute a causa delll'obbligo di chiusura.

Tra le richieste che Beraldo avanza vi sono dunque lo stop momentaneo a questo meccanismo, nonché lo spostamento dei versamenti fiscali e dei contributi a settembre, nonché ad altre misure specifiche per il settore.

 

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome