Camst, nuova acquisizione per rafforzarsi in Lombardia

Francesco Malaguti (a sin.) e Stefano Panzetta, presidenti di Camst e Aclichef

Camst, la cooperativa bolognese nata nel 1945 e oggi uno dei più grandi gruppi di ristorazione collettiva, ha acquisito le attività della cooperativa comasca Aclichef, che  copre 12 comuni della provincia lariana. Aclichef realizza 1.600 pasti al giorno e fattura circa 1 milione di euro all'anno. Camst ha garantito per tutti i 49 dipendenti e soci Aclichef il mantenimento della totale occupazione.

 

 

"Questa operazione è stata fortemente voluta dal nostro gruppo per rafforzare la presenza in Lombardia, regione in cui siamo presenti da diversi anni con i nostri servizi, e il legame con il territorio –commenta Francesco Malaguti, Presidente di Camst-. Aclichef è una società cooperativa proprio come Camst e questo ci consente di condividere la stessa cultura e gli stessi valori che mettono al centro le persone e la passione per il lavoro che svolgiamo ogni giorno".

Dotata di una cucina centralizzata, Aclichef è specializzata principalmente nella ristorazione scolastica, che rappresenta il 90% della sua attività, mentre il restante 10% fa capo al settore aziendale.

 

 

"In un mercato, come quello scolastico, dove i fattori dimensionali e organizzativi saranno sempre piu determinanti per essere concorrenziali, Camst rappresenta lo sbocco ideale per l’attività della nostra cooperativa -aggiunge Stefano Panzetta, Presidente di Aclichef-. Camst è leader del settore in Italia, ha progetti di sviluppo nel nostro territorio e si fonda sui medesimi principi mutualistici alla base della nostra esperienza".

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome