Chef Express presenta i nuovi spazi ristorazione a Torino Airport

Torino Airport e Chef Express presentano il nuovo look del piano superiore partenze nell'aeroporto di Torino Caselle: Cristian Biasoni spiega le novità e gli obiettivi futuri

Chef Express, la società che gestisce e sviluppa il business della ristorazione di Gruppo Cremonini, ha presentato questa mattina il nuovo piano superiore delle partenze nell'aeroporto Sandro Pertini di Torino Caselle. Dopo 7 mesi di lavori viene riconsegnata un’area di 2.100 mq con nuova offerta food, accogliente e luminosa costituita da tre insegne: Caffetteria Torinese in collaborazione con Lavazza; il ristorante buffet Ingredienti, un free flow basato su una rotazione stagionale di molte proposte (insalate, piatti freddi, primi e secondi, carne alla griglia, contorni, frutta e dessert), e McDonald’s gestito in licenza da Chef Express, attrezzato con totem e pos per l’ordine e il pagamento diretto con carte.

 

 

Nel complesso, gli spazi si presentano più omogenei, sia nell'architettura sia nel design. Due le aree lounge a disposizione di passeggeri e visitatori, arredate secondo le ultime tendenze del design: una disposta lungo la balconata del livello superiore Partenze e affacciata sulla hall check-in. L'altra disposta accanto a McDonald's e con parete vetrata che guarda la pista.

 

"Questa è la terza tappa importante nel percorso di riqualificazione del nostro aeroporto  -racconta Elisabetta Olivieri, presidente Torino Airport- dopo la nuova area arrivi di 4.500 mq, e Piemonte in your hands, un’iniziativa dedicata ai turisti e alla valorizzazione di Torino e della nostra regione, abbiamo aggiornato e riqualificato un'area strategica per noi, soprattutto nell'ottica di rilancio in chiave internazionale del nostro scalo. Sagat (Società azionaria gestione aeroporto Torino) prevede nel quadriennio 2019-2022 investimenti complessivi di 46 milioni di euro, più del doppio rispetto al quadriennio precedente, ma nella prospettiva del 2023-2024 saliranno a 56 milioni. L'obiettivo principale è quello di creare un aeroporto sostenibile e migliorare l'esperienza complessiva del viaggiatore".

 

 

Torino e lo Spazio

Torino è anche capitale italiana dello spazio. Lo ha ricordato Walter Cugno, vice presidente Dominio Esplorazione e Scienza Thales Alenia Space Italia, che ha progettato il Rover destinato ad andare su Marte (atterraggio previsto per il 19 marzo 2021). Per questo la nuova food area è integrata a spazi tematici dedicati alla storia del volo e alla scoperta dello spazio realizzati in collaborazione con Leonardo e Thales Alenia Space Italia, due grandi realtà industriali del territorio piemontese: sul piano superiore si trovano due aree tematiche, una dedicata alla storia del volo che accompagna il visitatore a ripercorrere gli ultimi 100 anni di storia dell'aviazione; la seconda interamente dedicata alla scoperta dello spazio, con un maxischermo da 86'' posizionato su una superficie che richiama il suolo marziano, arricchita da un modellino in scala del Rover e del satellite che fanno parte della missione Exo Mars 2020. Attraverso un video gioco accessibile a tre giocatori in contemporanea, i visitatori possono guidare sul Rover alla ricerca di forme di vita sul Pianeta Rosso. L'obiettivo della missione su Marte è prelevare campioni di terreno.

Da sin. Alberto Sacco (ass. turismo Città di Torino), Walter Cugno (VP Dominio Esplorazione e Scienza Thales Alenia Space Italia), Cristiano Montrucchio (Svp Engineering Leonardo Velivoli), Andrea Andorno (Ad Torino Airport), Cristian Biasoni (Ad Chef Express), Elisabetta Oliveri (Presidente Torino Airport)

Cremonini è uno dei primi 10 gruppi alimentari italiani con un fatturato complessivo di 4.181,1 milioni di euro (+7,5% il Cagr 2015-2018), quasi il 50% del quale (47% per l'esattezza) realizzato con la produzione (Inalca), il 38% con la distribuzione (tramite Marr) e il 15% con la ristorazione (Chef Express).

Fermiamoci sulla ristorazione. L'attività di Chef Express si articola in tre grandi comparti:

  • ristorazione a bordo treno (17% dei ricavi)
  • ristorazione in aeroporti e autostrade (55%),
  • ristorazione commerciale, soprattutto con Roadhouse (28%) che realizza ormai 200 milioni di ricavi su un totale di Chef Express pari a 672 milioni stimati per fine 2019. Per fine 2019 i Roadhouse saliranno a 170 locali, cui vanno aggiunti i 20 di Calavera, il format tex-mex inaugurato a Milano CityLife.

Torino Caselle è uno dei 12 aeroporti nei quali Chef Express è presente con i suoi marchi. Cremonini utilizza nella ristorazione sia marchi propri (Chef Express, Juice Bar, Mokà, Gusto Ristorante, Bagel Factory, Mr Panino, Gourmè, Pomodoro e Mozzarella), sia marchi in licenza come McDonald's, Cioccolatitaliani, Attimi by Heinz Beck, Rosso Sapore e Panella.

A questi marchi si aggiungono quelli arrivati in dote da Percassi (Casa Maioli, Wagamama, e Caio Antica Pizza Romana) che, come spiega Cristian Biasoni nella video intervista, Chef Express svilupperà nel canale centri commerciali/centri città.

 

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome