Confcommercio e Federdistribuzione, accordo per valorizzare il settore retail

Claudio Gradara, presidente di Federdistribuzione
Come primo passo, Confcommercio e Federdistribuzione si impegnano ad assicurare l’assistenza sanitaria integrativa ai lavoratori delle imprese aderenti

Confcommercio e Federdistribuzione hanno deciso di costituire un tavolo di confronto per affrontare e dibattere i temi di comune interesse, con l’obiettivo di valorizzare il ruolo determinante della distribuzione commerciale nei percorsi di crescita del Paese.

 

 

Carlo Sangalli, presidente Confcommercio Imprese per l'Italia

Il commercio con le sue imprese e i suoi imprenditori sta, ormai da anni, fronteggiando le conseguenze della crisi economica, facendosi carico delle sfide provenienti dai cambiamenti nella società e nei modelli di consumo, e dall’impatto diffuso delle tecnologie digitali che hanno coinvolto, seppur con effetti diversi, tutto il retail, soprattutto quello fisico e quello omnichannel ma con forte sottostante immobiliare, dalla piccola alla grande distribuzione. Con questo accordo le due organizzazioni nazionali si propongono di condividere iniziative e progetti per il rilancio del commercio, l'incremento della produttività e dell’occupazione nazionale.

Nello specifico e come prima tappa, Federdistribuzione e Confcommercio hanno raggiunto un accordo affinché Fondo Est e Cassa Quas, in considerazione dell’esperienza e delle performance offerte, possano rappresentare, già nell’immediato futuro, gli strumenti per assicurare l’assistenza sanitaria integrativa ai lavoratori delle imprese aderenti alle due organizzazioni imprenditoriali che si impegnano a realizzare l’iniziativa entro la fine del 2019.

 

 

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome