Consorzio Prosecco Dop punta alla qualità con lo spumante

image001Oltre 10.000 viticoltori e 350 case spumantistiche che con la vendemmia 2015 hanno imbottigliato circa 355 milioni di bottiglie, per  un incremento complessivo pari a + 15,8%. Sono i dati recentemente diffusi dal Consorzio Prosecco Doc. 255 milioni di bottiglie, circa il 72% della produzione, prende la strada dell’export: di queste i 2/3 vengono assorbiti dai tre mercati principali, nell’ordine UK, USA e Germania. Nel 2015 i mercati anglosassoni hanno trainato l’export: con un plus del 43,7 % l’UK ha confermato il suo ruolo di mercato leader del nostro export (31,7%). A seguire gli Stati Uniti con un + 19,4% (19%), scalzando la Germania ora al terzo posto con quota export del 18%.

 

 

“Sia negli Stati Uniti che in Germania le cifre di crescita si riferiscono allo spumante, mentre il frizzante subisce un calo generale  (es. - 28% USA.) A livello globale il Prosecco Spumante occupa una quota del 77% lasciando spazio al Frizzante per il restante 23%. Nonostante una leggera flessione inferiore all’1 %  – commenta Stefano Zanette, presidente del Consorzio  –  possiamo constatare che il mercato tedesco, per tanti anni nostro mercato più importante, non è per niente stanco del Prosecco e la crescita degli acquisti della versione Spumante (+ 7%) a scapito del Frizzante dimostra che la strategia avviata dal Consorzio nel puntare alla qualità funziona egregiamente”.

Uno statuto molto severo regolarizza le norme di produzione, garantendo la qualità del prodotto – previa accurata verifica di tutto il processo produttivo – grazie  all’apposizione in ogni bottiglia di un sigillo statale (contrassegno di Stato emesso dalla Zecca) che  facilita  il consumatore nella scelta. La qualità del prodotto viene inoltre controllata e costantemente migliorata attraverso progetti di ricerca avviati in collaborazione con diversi atenei.

 

 

Anche per quest’anno è confermata anche la presenza del Consorzio di tutela del Prosecco doc al Prowein di Dusseldorf. “Il Prowein 2016 – conclude Zanette –  costituirà l’occasione per presentare i più recenti dati della nostra denominazione al mercato tedesco che si conferma essere uno dei primissimi per il nostro export”.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome