Cresce la propensione all’acquisto, ma non migliora il sentiment

Secondo l'Osservatorio mensile Findomestic relativo ai consumi di luglio 2016, crescono il clima di fiducia e le intenzioni di acquisto degli italiani.

 

 

L'Osservatorio nato nel 1994 e condotto in collaborazione con primari istituti italiani ed europei, in questa occasione con Doxa, prende in esame le tendenze di consumo, il sentiment e come argomento del mese il possesso o meno di una qualche forma di assicurazione.
SentimentScenarioEconomico

 

 

 

 

 

 

Rispetto al sentiment, se si confrontano i risultati con il mese precedente di quest'anno e lo stesso periodo del 2015, non si registrano variazioni: in una scala da 1 a 10 la situazione personale viene valutata 4,74 punti, quella italiana 3,95 punti.

Lo scenario economico fotografato dall'Osservatorio vede un Pil in crescita dell'1% nel primo trimestre 2016, un punto percentuale in meno per la disoccupazione giovanile, una crescita del 6% nel primo trimestre 2016 per quanto riguarda i consumi di beni durevoli e un incremento dell'indice dei prezzi al consumo dello 0,1% a giugno, rispetto a maggio 2016.

InformaticaIl 95% degli italiani ha almeno una assicurazione e il 93% ne ha una obbligatoria per l'auto o la moto, mentre il 5% degli intervistati dell'Osservatorio non possiede alcuna forma di assicurazione, nel 50% dei casi perché dichiara di non potersela permettere, nel 20% perché non interessato. Se rispetto all'anno pasasato la propensione all'acquisto di veicoli è in calo del 2,6% per le automobilio nuove, dello 0,7% Elettrodomesticiper quelle usate e dell'1,3% per le moto, a luglio si registra però un miglioramento rispetto a giugno 2016, +0,8% per le auto nuove, +0,7% per quelle usate e solo -0,2% per le moto. In attivo la propensione a realizzare una ristrutturazione o acquistare una casa, mentre cala di poco la propensione all'acquisto di mobili, -0,2%, spesa massima dichiarata in previsio e circa 2.600 euro. CasaCrescono rispetto a luglio 2015 le intenzioni d'acquisto per Pc e accessori, tablet ed e-book, mentre scendono per telefonia e fotocamere, settori però che sono in salita se il confronto avviene con giugno 2016. Favorevoli i dati relativi agli elettrodomestici, tutti in positivo fatta eccezione per Tv e hi-fi, in calo del 2,8% rispetto al 2015 ma in lieve crescita a luglio 2016. Stabili o in lieve crescita le intenzioni di spesa per le TempoLiberoenergie rinnovabili, in tutti i segmenti. Il dato più confortante è quello relativo alle attività per il tempo libero: l'intenzione di spesa per viaggi e vacanze cresce del 7,9% rispetto a luglio 2015 e del 2,1% rispetto a giugno 2016; il desiderio di acquistare attrezzature e abbigliamento sportivo è in salita, +3% rispetto allo stesso periodo dell'anno passato, +0,3% rispetto al mese precedente; infine cresce l'imtenzione di spendere per il fai-da-te, +1,4% rispetto al 2015 e +0,8% rispetto a giugno 2016.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome