Deloitte: Forum del Settore Agroalimentare

Al Parlamento Europeo si è svolto il “Forum del Settore Agroalimentare” organizzato dal Gruppo di Iniziativa Italiana e Deloitte, con la partecipazione dell’On. Nicola Caputo (membro della Commissione AGRI), della Rappresentanza Permanente Italiana presso l’UE e dei vertici nazionali di Federalimentare e Coldiretti.

 

 

Durante l’incontro i partner Deloitte Paolo Gibello ed Eugenio Puddu hanno presentato in anteprima i principali contenuti della quarta pubblicazione di Deloitte - “Il settore agroalimentare: l’innovazione nei paradigmi” – dedicata allo studio del settore agroalimentare e delle sue eccellenze sul territorio. Di seguito le principali evidenze.

Aumenta nei consumatori la consapevolezza dell’importanza del cibo buono e di qualità, il desiderio di tracciabilità e conoscenza, la volontà di apprezzare prodotti unici e rispettosi dell’ambiente. Questi elementi, che partono da nuove consapevolezze nei consumatori, si ripercorrono anche in ambito produttivo e distributivo, dove l’innovazione sta sfidando e selezionando le aziende che ne sanno cogliere le potenzialità.

In un momento in cui il settore agroalimentare sta dando prova di forza e vitalità (nel 2016 ha rappresentato l’11,3% del Pil nazionale italiano, secondo solo al settore metalmeccanico), per le aziende è tempo di consolidare questo trend positivo grazie all’applicazione dei principi dell’innovazione sul prodotto e sul processo, ma anche a un livello più pervasivo sui valori propri che caratterizzano la loro realtà. In Italia fino a trenta anni fa l’80% delle aziende aveva un impianto tradizionale, mentre le restanti si dividevano tra tradizionale evoluto (surgelati, sughi pronti) e nuovi prodotti (ad alto contenuto salutistico). Oggi invece il 25% del fatturato è costituito da prodotti per i quali l’innovazione anche incrementale costituisce un fattore essenziale e incorpora valore aggiunto.

L’innovazione è quella che nel titolo di questa 4° pubblicazione Deloitte sul settore agroalimentare viene definita “l’innovazione nei paradigmi”: facendo propri questi paradigmi, le aziende sono in grado agire con una visione prospettica che garantisca loro la continua competitività sul mercato nel medio-lungo termine, l’operatività e l’eccellenza.

I paradigmi che lo studio Deloitte identifica come necessari per le aziende sono 3:

  • Consapevolezza: il consumatore è attento, desidera essere informato e tende a selezionare con attenzione i prodotti e premia le aziende che sanno interpretare questi bisogni
  • Sinergie tra operatori: è la riscoperta delle regole che da sempre governano il settore; la costruzione di rapporti collaborativi all’interno e all’esterno dell’azienda è premiante per costruire prospettive future
  • Disponibilità dei prodotti: la scelta di un prodotto, anche in ambito agroalimentare, segue sempre di più componenti emozionali; le nuove possibilità di effettuare acquisti stanno modificando i tradizionali canali distributivi.

“L’innovazione deve fungere da acceleratore per le aziende - conclude Paolo Gibello, senior partner Deloitte, autore del libro e coordinatore del gruppo di lavoro dedicato al Consumer Products - anche e soprattutto per quelle di piccole e medie dimensioni che sono figlie di una tradizione artigiana del saper fare e della qualità, e infatti in Italia fino a trenta anni fa l’80% delle aziende aveva un impianto tradizionale… Senza la garanzia che queste aziende riescano a mantenere il passo rischiamo di rimanere intrappolati in una dimensione che può rappresentare un blocco alle opportunità che l’innovazione, se guidata, può invece offrire.”

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome