Distretti del commercio, ambito ideale del marketing territoriale

Esperti – Nel Town Center Management la grande distribuzione è soggetto propulsore (da MARK UP 07-201)

Per l'articolo completo scaricare il Pdf

1. Quarto bando regionale di finanziamento per la costituzione di distretti del commercio in Lombardia, una delle regioni più attive nel Town Center Management
2. La grande distribuzione non è più il nemico, ma spesso il regista delle iniziative

Nati per stimolare le risposte del commercio di prossimità alla concorrenza esercitata dalla grande distribuzione specializzata e non (in particolare i centri commerciali extra-urbani), i distretti del commercio lombardi mostrano segnali di un'evoluzione per certi versi inattesa. Un primo aspetto riguarda la natura dei distretti. È stata proprio Regione Lombardia a innescare (positivamente, a parere di chi scrive) il cambiamento: da un lato, ampliando la definizione del distretto oltre il centro urbano delle grandi città e introducendo il concetto interessante (anche se molto complesso da realizzare) di distretto diffuso di rilevanza intercomunale; dall'altro, integrando al mix commerciale le attività di servizio.
Un secondo aspetto riguarda i rapporti con la grande distribuzione, in un primo momento inquadrata come nemico giurato dei piccoli e quindi dei distretti: oggi non è più così, al punto che in diversi casi la grande distribuzione fa parte dei progetti e delle iniziative di distretto, e ne diventa addirittura promotrice. Quali sono le ragioni di questo radicale cambiamento?

Sinergia tra piccola e grande distribuzione
In primo luogo, bisogna considerare che, in un territorio competitivo e moderno come quello lombardo, più che la concorrenza tra moderno e tradizionale, dove i giochi sono spesso ormai stabili, diventa importante il confronto tra contenitori o aree commerciali, giocato innanzitutto sulla varietà dell'offerta. In tale prospettiva ci si accorge che gli antichi nemici hanno bisogno l'uno dell'altro: le grandi superfici e i centri commerciali di una galleria varia e viva di attività di piccole dimensioni; i piccoli di attrattori forti che trattengano la domanda locale e non la facciano evadere verso altre aree commerciali o altri distretti.
Oggi sembrano più evidenti (e non vanno ovviamente dimenticati) interessi più immediati di natura contingente e monetaria: il distretto ha bisogno di risorse economiche per finanziare progetti di sviluppo e promozione commerciale, soprattutto nella prospettiva di una stretta nelle risorse pubbliche dovuta alle esigenze di bilancio a tutti i livelli, nazionale, regionale, comunale; la grande distribuzione ha interesse a non restare esclusa dalla gestione della politica commerciale del territorio, soprattutto per quanto riguarda gli orari di apertura e le aperture straor­dinarie.
Ci si auspica che tutto ciò non si traduca in una banale svendita di qualche ora o qualche domenica in più, ma che inneschi una sana e positiva competizione tra distretti in una logica di marketing territoriale, che per definizione porta ad aumentare il valore generato per i clienti, in questo caso consumatori e prima ancora cittadini.
In tale prospettiva, i distretti possono diventare un luogo fisico e di progettazione di grande interesse per tutti coloro, per esempio l'industria di marca, che intendono comunicare con i consumatori in modo meno scontato, più diretto e coinvolgente, più reale e diretto.
*TradeLab

Per garantire la varietà dei formati
 Segnali di un'evoluzione in corso
Da visione tattica A visione strategics
Progetto di breve termine per reperire risorse pubbliche (bandi) Progetto stabile di sviluppo del commercio
Specializzato
(concentrato sul commercio) Orientato a garantire varietà di format
e servizi
Strumento di comunicazione esclusivo del commercio di prossimità Luogo di relazione di elevato valore a elevato potenziale di comunicazione anche per l'industria
  Fonte: elaborazione dell'autore © Mark Up
 
 
Riferimenti: si vedano anche gli articoli: “Distretti, nuova piattaforma per il rilancio del commercio”, Mark Up n. 185 di gennaio/febbraio 2010 alle pagg. 122-123; “Distretti del commercio, nuova frontiera del retail lombardo”, Mark Up n. 177 di maggio 2009 a pag. 136
 
 

Allegati

/wp-content/uploads/sites/3/2014/07/073_MARKUP201_07_2011_Bertozzi.pdf” target=”_blank”>07-2011-MKUP-Bertozzi

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome