E’ tempo di investire per creare nuovi luoghi

La ricetta di Oscar Farinetti: defiscalizzare gli investimenti al sud per qualche anno per essere più attrattivi (da Mark Up n. 254)

Che cosa rappresenta il Sud per un imprenditore come Oscar Farinetti? Glielo abbiamo chiesto ed ecco cosa ci ha risposto. “In Italia abita lo 0,83% dei cittadini del mondo: il rimanente 99,17% vive altrove, e quando fa il turista desidera visitare il nostro Paese: siamo al primo posto nei desideri, ma al quinto nei risultati; vuol dire che c’è ancora molto spazio da colmare. Senza affollare ulteriormente le pur meravigliose Venezia e Firenze, mandiamo questi turisti anche in altri luoghi. E il fantastico Sud rappresenta un’opportunità enorme: senza Sud, l’Italia non sarebbe nemmeno immaginabile e, paradossalmente, il fatto che non sia ancora riuscito a esprimere le proprie potenzialità è un vantaggio: possiamo solo guadagnarci, dandoci da fare, però bisogna investire”.

Chi deve investire?
Chi ha voglia di farlo: imprenditori del Nord, del Sud e anche stranieri. L’importante è creare uno scenario che permetta di cogliere le due opportunità principali per il Paese: ci salviamo, se riusciamo a raddoppiare il numero dei turisti e delle esportazioni. Cose semplici, alla nostra portata; certo è più facile raddoppiare il numero dei turisti che licenziare 28.000 forestali  in  Sicilia.  Ci  sono  margini  e  ampi:  l’87%  del turismo straniero in Italia visita Roma e il Nord, e solo il 13% scende sotto Roma. L’intera Sicilia totalizza  5,5  milioni  di  turisti  stranieri,  mentre  solo  Rimini e Riccione ne attirano 22 milioni. Il potenziale è altissimo, a patto di raccogliere quei milioni di turisti che prima andavano nel Nord Africa e nel Middle East, mete, purtroppo, oggi a rischio per le note vicende politiche. Dobbiamo, però, mirare a un target preciso: chi ha voglia di divertimento sfrenato e discoteche continuerà a preferire altre mete, ma chi desidera visitare un teatro greco in maniche di camicia anche a novembre può farlo in Sicilia.

Cosa serve per concretizzare questo impegno?
Bisogna  realizzare  infrastrutture,  aeroporti,  strade  e  soprattutto  creare  dei  luoghi.  E  per  farlo  bisogna  invogliare gli imprenditori a scommettere sul Sud.

Tutto  questo  implica  un  impegno  della  politica,  delle istituzioni e del Governo.
È vero. Infatti deve intervenire la politica e nel modo più semplice del mondo: con la defiscalizzazione. Vanno defiscalizzati gli investimenti in queste zone, non  bisogna  solo  dare  contributi,  ma  ridurre  gli  oneri  sociali  per  un  periodo  limitato. Magari  nominando commissari ogni 150 km di coste per evitare brutture,  anche  l’esercito  se  servisse.  L’importante  è far sapere al mondo che esiste il Sud, il luogo più bello del mondo, dove si può investire e guadagnare.

Quali i settori su cui puntare?
Il primo è il turismo, il secondo è l’agroalimentare, dove il Sud esprime eccellenze senza pari, anche se spesso si tratta di microimprese che occorre mettere in Rete. Nel nostro piccolo abbiamo cercato di farlo, creando nel nostro Eataly di Bari Porta del Sud, uno spazio particolare che incorpora all’interno la Piazza dei Produttori, un insieme di chi produce di eccellenze alimentari del Mezzogiorno da far vedere, assaggiare e narrare ai buyer, nostri e di altri paesi, e a tutti quelli che sono interessati. Offriamo poi un aiuto per superare la burocrazia necessaria a esportare.  Dobbiamo  trovare  il  sistema  di  coltivare l’eccellenza, impacchettarla in modo eccellente, narrarla in modo eccellente e, in modo eccellente, venderla.

A quando la prossima apertura nel Sud?
Tra  qualche  anno.  Adesso  siamo  ancora  impegnati  nello sviluppo nel mondo. Ma torneremo a investire in Italia e il prossimo Eataly aprirà al Sud: spero a Catania, sicuramente in Sicilia.

Ha collaborato Barbara Trigari

CONDIVIDI
Articolo precedenteLe marche migliorano la vita? Cosa pensano i consumatori
Articolo successivoTrend 2017: il fashion si illumina di antica nobilità
Curiosa di tutte le forme di retail, italiano e internazionale, fisiche e online, food e non food. Da anni, seguo le evoluzioni (e le involuzioni) di questo mondo con l'obiettivo di raccontare, con occhi attenti e un pizzico di ironia, nuove realtà, iniziative originali, aggregazioni innovative, negozi d'impatto, e …

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here