Fratelli Riva, i prodotti della tradizione spingono i ricavi

Riva al servizio della mdd
L’azienda di Molteno conferma a #marca2020 i segnali di ripresa dopo un inizio 2019 caratterizzato dalle tensioni sui prezzi della materia prima

Salumificio Fratelli Riva presenta a Marca 2020 il Prosciutto Cotto di Alta Qualità Nazionale Umberto, realizzato secondo la ricetta sviluppata negli anni dal fondatore Umberto Riva. Il prodotto si caratterizza per l’utilizzo di cosce nazionali selezionatissime. La lavorazione segue i principi dell’artigianalità. Di estrema importanza l’operazione di salatura, fatta manualmente coscia per coscia, come in passato, permettendo una distribuzione capillare ed omogenea della salamoia. La lenta cottura avviene con il sistema fuori stampo e il sistema di legature permette la resa al taglio. Plus sono inoltre l’assenza di glutine, glutammato aggiunto, derivati del latte e polifosfati aggiunti.

 

 

Riva al servizio mdd
Giuseppe Riva, AD Salumi

Viene archiviato un 2019 all’insegna della tenuta sia in termini di fatturato sia di quote di mercato. “Le difficoltà ci sono state ed ancora permangono. Tuttavia la nostra strategia è stata premiata, puntando sempre più su produzioni di alta qualità e valore, sviluppando positive sinergie con la grande distribuzione che ha compreso le difficoltà della filiera ed ha identificato insieme soluzioni che permettessero di fronteggiare l’apice della crisi” ha ricordato Giuseppe Riva, Amministratore delegato del Salumificio Fratelli Riva.

L'esercizio si è chiuso con ricavi costanti rispetto al 2018 (95 milioni euro). Il risultato in termini di fatturato è stato conseguito grazie alle performance di alcuni prodotti di punta della società, i cui quantitativi hanno toccato le 13.800 tonnellate annue.

 

 

“La filiera mondiale sta gestendo la più grave crisi alimentare del dopo guerra, i cui effetti non sono ancora totalmente chiari. Società come la nostra hanno saputo gestire il nuovo contesto sia efficientando la propria linea produttiva sia adeguando la propria organizzazione alle mutate condizioni e modalità di consumo. Credo si debba mantenere una certa fiducia, poiché anche in contesti non facili, sono premiate le capacità di innovare e l’oculatezza nella gestione grazie alle quali si possono presentare anche opportunità di investimento di grande rilevanza”.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome