Gli opinionisti di Mark Up – Massimo Giordani

I paradossi del mercato del lavoro - di Massimo Giordani digital architect

massimo giordani ritrattoIn un paese dove la disoccupazione giovanile si colloca da anni oltre il 35%, non di rado, accade che un’azienda interessata ad assumere una persona portatrice di competenze legate alle nuove professionalità (soprattutto del mondo digitale), non la trovi, se non dopo lunghe e faticose ricerche. Perché si verifica questo paradosso? Com’è possibile che molte imprese debbano avviare percorsi formativi interni per risolvere il problema dello skill shortage, (letteralmente, carenza di abilità)? La risposta è complessa e nasce dalla rapidità con cui l’innovazione ha accelerato la sua corsa, in tutti i settori, grazie, soprattutto, alla diffusione della rete internet e alla connettività pervasiva che hanno favorito la condivisione delle informazioni a livello globale. Su questo elemento sistemico si è innestato un ritardo strutturale nell’adeguamento dei percorsi  scolastici  e  della  formazione  professionale  insieme  a una elevata resistenza all’innovazione da parte di una percentuale importante del management aziendale e, purtroppo, dell’intera società. Il risultato della combinazione di questi elementi è un paese, l’Italia, che, invece di trarre grandi vantaggi dall’era digitale, l’era dove la carenza di materie prime non è più un forte limite allo sviluppo, si trova a dimenarsi in una situazione di perdurante stagnazione economica e di elevatissima disoccupazione. Occorre davvero una svolta e ogni cittadino può essere un promotore del cambiamento, innanzitutto aprendosi all’innovazione ed esigendo una classe dirigente altrettanto aperta e realmente convinta della necessità di un cambio di marcia. Solo in questo modo la percentuale della disoccupazione giovanile potrà davvero diminuire.

No items found

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome