Gli opinionisti di Mark Up – Giovanni Cobolli Gigli

Legge di Stabilità: misure per dare certezze - di Giovanni Cobolli Gigli Federdistribuzione (da Mark Up n. 253)

Cobolli_fotoLa prossima Legge di stabilità rappresenta un  punto  nevralgico  dell’azione  del  Governo.  Una  sorta  di  “dentro  o  fuori”.  O si  riesce a definire misure che sostengano il paese verso un robusto percorso di crescita, o dovremo rassegnarci ad un futuro di mediocrità e stagnazione, destinato a farci ulteriormente perdere terreno nei confronti della altre economie. Certo la situazione è complessa: i provvedimenti varati dal lato della domanda (80 euro, cancellazione dell’imu per la prima casa ecc) hanno prodotto risultati al di sotto delle attese e le maggiori entrate sono state in parte destinate ai risparmi. Gli interventi in ambito del mercato del lavoro hanno generato una fiammata sui numeri dell’occupazione, ma ora, con la riduzione degli incentivi, gli effetti si stanno raffreddando. Il paese si è quindi bloccato, dopo un timido segnale di ripresa nel 2015, e persone e imprese stanno progressivamente perdendo fiducia. Le famiglie, di fronte all’incertezza politica, alla crisi delle borse, ai drammatici fenomeni sociali, a un quadro occupazionale che non decolla, si dimostrano prudenti nelle spese. Le imprese, di fronte alla stagnazione della domanda interna e alla precarietà delle misure di incentivazione fiscale, attendono la definizione di una prospettiva più chiara per tornare a investire e assumere. Per rimettere in moto il paese la Legge di stabilità dovrebbe proporsi un solo e chiaro obiettivo: ridare certezze. Focalizzandosi quindi su poche misure, adeguatamente sostenute dalle risorse, ma  soprattutto  che siano  strutturali,  capaci  cioè  di  delineare quella cornice stabile di regole all’interno della quale si possa tornare ad agire con maggiore sicurezza.

No items found

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome