Gli opinionisti di Mark Up – Massimo Moretti

Riflessioni (amare) sulla demografia italiana - di Massimo Moretti presidente Cncc e head of business unit portfolio retail di Beni Stabili SIIQ (da Mark Up n. 253)

Massimo_Moretti_fotoNell’ultimo  anno  sono  nati  in  Italia  solo  488.000  bambini  (fra  i  quali  la  mia  piccola  Ludovica, il mio terzo bimbo), il minimo storico dall’Unità d’Italia. Nel 1918, con la strage di soldati avvenuta, i tantissimi feriti e gli uomini al fronte ad affrontare un’esperienza traumatizzante, erano nati 676.000 bambini. I giovani non sono chiaramente spariti e rappresentano ora poco meno di un terzo della nostra popolazione, ma, attenzione, in Francia e UK si attestano al 36-37%. Nell’ultimo dopoguerra la popolazione italiana è aumentata di 13 milioni di persone, ma da allora abbiamo perso 5,7 milioni di giovani. Vi lascio con i numeri, a voi le tante riflessioni, direi molto crude e di natura strategica. Voglio aggiungere, però, un altro dato: sempre dal secondo dopoguerra il boom degli ultra 65enni è dirompente, essendo aumentati di ben 9 milioni. I giovani mai prima d’ora sono stati così istruiti, così dotati di competenze  specifiche  (si  pensi  solo  in  ambito  digitale),  mai  prima d’ora sono stai aperti alla globalità (conoscenze linguistiche, contatti, viaggi). E  gli  anziani?  Attivi,  in  forma,  diremmo  giovanili,  ma  sempre  non più giovanissimi, sicuramente con qualche problema di vista e spesso con qualche acciacco ortopedico; last but not least, rispetto alle generazioni passate, non di rado benestanti. Mi chiedo se ci interroghiamo abbastanza su questi fenomeni, quando concepiamo un centro commerciale con la stanchezza fisica che la visita di un centro determina. O quando ipotizziamo una tipologia di offerta commerciale per i nostri clienti, siamo veramente adeguati? Piaccia o non piaccia, prepariamoci a questa senilizzazione della popolazione italiana.

No items found

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome