Gli opinionisti di Mark Up – Sandro Castaldo

La partita della privacy nell’economia digitale (da Mark Up n. 254)

Il digital marketing e le strategie social si fondano sulla possibilità di ottenere dati dai clienti, indagando i loro comportamenti e richiedendo  la  compilazione  di  moduli  e  questionari on line. i canali digitali rendono infatti disponibili una massa incredibile di dati, ma ciò determina un dilemma etico: è corretto utilizzare queste enormi masse di dati, di cui talvolta il cliente non è neanche consapevole, per offrire comunicazioni, servizi e assortimenti più personalizzati e, dunque, più valore per lo stesso acquirente?il cliente quando percepisce un alto rischio connesso alla tutela della sua privacy adotta comportamenti “difensivi”, rifiutandosi di fornire dati e riducendo l’utilizzo dei canali virtuali. Oggi questa preoccupazione esiste, soprattutto in alcune fasce della popolazione, rendendo vani molti degli sforzi delle aziende e non sfruttando appieno il potenziale dei canali digitali. Chiaramente la preoccupazione per la privacy può essere gestita, sia dal legislatore, con regolamentazioni e leggi idonee a tutelare i clienti (in Italia siamo molto avanti su questo) e dalle imprese, guadagnandosi la fiducia del cliente con comunicazioni trasparenti e comportamenti fair. Da una ricerca della Sda Bocconi è emerso che il cliente è particolarmente preoccupato dell’utilizzo secondario dei dati che fornisce per fini  commerciali  (che  possono  essere  ceduti  a  terzi),  oppure delle protezioni non adeguate dei data base, che possono essere accessibili e rubati da hacker. Visto che il recente caso di Yahoo non è il primo e non sarà certamente l’ultimo, è opportuno che le autorità e le imprese, soprattutto quelle esposte online, si adoperino per una seria analisi dei processi connessi alla privacy per non perdere la fiducia del pubblico.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here