Grana Padano: accordo Renzi-Alibaba

Grana“Guardiamo con interesse e valutiamo positivamente l'iniziativa posta in essere in Cina dal presidente del Consiglio Renzi in materia di contraffazione alimentare e tutela del made in Italy”. Con queste parole Stefano Berni, direttore generale del Consorzio Grana Padano, il prodotto Dop più consumato del mondo con 4 milioni e 800 mila forme annue, ha commentato l'accordo siglato dal premier Renzi con Alibaba per promuovere e tutelare le eccellenze italiane.

 

 

“L’agropirateria - aggiunge Berni - che va dai ‘falsi’ all’utilizzo indebito di marchi e nomi come, ad esempio, il nostro, produce effetti gravissimi sia per il mercato sia per il consumatore. Solo per il Grana Padano, abbiamo stimato un danno di circa 1 miliardo di euro all'anno: 700 milioni all'estero e 300 milioni in Italia. E tutto ciò senza dimenticare gli aspetti legati ai controlli e quindi alla sicurezza alimentare dei consumatori”.

“Nei negozi e nei supermercati – conclude il direttore del Consorzio Grana Padano - è forte e in continua crescita la presenza di prodotti che per aspetto, presentazione e packaging sembrano uguali a quelli Dop, ma che nulla hanno a che vedere con il livello qualitativo degli stessi. È un atto dovuto quindi, nei confronti dei consumatori, ma anche delle filiere che li sostengono, separare i prodotti Dop e Igp sugli scaffali, con un’adeguata comunicazione affinché i consumatori siano ben informati e quindi liberi di scegliere”.

 

 

E in tema di nutrizione il Consorzio Tutela Grana Padano, nell’ambito del programma "Educazione Nutrizionale Grana Padano", ha promosso la realizzazione del libro “Mamma…ho fame! – Una ricetta al giorno per diventare grandi”, che sarà presentato nei prossimi giorni in occasione del Festival della Letteratura di Mantova. Il nuovo libro su alimentazione bambini spiega in 120 pagine i motivi di sovrappeso e obesità ed è al tempo stesso un ricettario rivolto principalmente alle mamme, completo di tabelle e consigli nutrizionali.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome