Guida all’influencer marketing per il 2021

Da Buzzoole una sintesi delle tendenze che incideranno profondamente sul modo di lavorare di brand e creator, ma anche come affrontarle

Mentre gli influencer restano figure che non smettono di dividere l'opinione pubblica (due su tutti la coppia Fedez-Ferragni), quello che ormai è certo è che l'influencer marketing è diventato per tutte le aziende una leva sempre più utilizzata, in modo più o meno evoluto e raffinato. Parliamo di uno "strumento" che sarà in costante evoluzione anche nel 2021 grazie alle nuove funzionalità introdotte costantamente dalle piattaforme.

 

 

A tracciare una panoramica sul tema, offrendo una guida ai fenomeni più rilevanti che incideranno sul modo di lavorare di brand e creator, è Buzzoole.

Qualità, controllo e misurazione evoluta le 3 parole chiave

Una prima lezione per il futuro? Non preoccuparsi di essere onnipresenti replicando gli stessi messaggi ovunque, ma presidiare i social media più adatti alla propria strategia, costruendo su questi ultimi un legame forte e duraturo con la propria community.

A fronte di un panorama sempre più competitivo e complesso, per sfruttare al meglio l'influencer marketing meglio inoltre programmare attività a lungo termine di 6/12 mesi, piuttosto che puntare su iniziative one-shot. Sì, dunque, alla scelta oculata di veri e propri ambassador in linea con l'identità del marchio.

In linea con quanto sopra, tra i must sempre più rilevanti per i mesi a venire vi è l’attenzione alla brand safety. Fondamentale, allo scopo, assicurarsi di collaborare con creator che non abbiano messo in campo comportamenti fraudolenti o che potrebbero in altro modo danneggiare l’immagine aziendale (nel 2020 non sono mancati casi di scelte sbagliate).

Da ultima, ma non per importanza: una misurazione evoluta. Oltre a misurare le conversioni, uno step ulteriore è affiancare degli studi per misurare l’impatto dell’influencer marketing su kpi di brand come Top of Mind, Awareness (spontanea e sollecitata), Favorability, Recommendation e Intention to buy (Buzzoole, ad esempio, offre questi studi in collaborazione con Nielsen).

 

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome