Hotel & Retail connubio possibile, ma ancora difficile

L'Italia è il terzo paese per afflusso turistico in Europa: ecco alcuni esempi di sinergia tra hotel e strutture commerciali (da Mark Up 251)

L’Italia  è  una  delle  principali  destination  turistiche  a  livello  mondiale,  e  anche  da  noi  uno  dei  principali  driver  del  turismo  è  oggirappresentato  dallo  shopping. “Le analisi indicano che nei prossimi quattro anni il settore turistico  sarà  sempre  più  trainante  -dichiara  Marco Malacrida, amministratore unico di Res Hospitality Business Developers-. Saranno infatti 300 milioni i nuovi viaggiatori nel mondo”. L’integrazione tra mondo del turismo e retail è un tema ancora poco affrontato in Italia. Ma forse qualcosa può cambiare per allinearsi alle esperienze che si stanno sviluppando all’estero. È dunque possibile creare sinergie tra questi due mondi e parlare  di  Retail&Hotel?  “Analizzando  la  situazione dal punto di vista alberghiero, il retail ridurrebbe il problema della stagionalità” precisa Giorgio Bianchi, amministratore della società di advisory R&D Hospitality. Oltre al food e al fashion, non scordiamoci la determinante “Ferrari/fun”. L’interesse dell’hotellerie si rinnova infatti anche all’interno dei Leisure Park: Gardaland per esempio ha da poco potenziato l’offerta del proprio albergo portando da 200 a 300 le camere disponibili.  Un  altro  progetto  in  corso  è  volto a sviluppare un vero e proprio polo turistico  integrato  situato  a  Roma-Valmontone. Qui si prevedono tre strutture ricettive per circa 600 camere (per ora è stato realizzato un solo hotel, con una quarantina di camere, aperto tutto l’anno). In Italia si intravedono quindi i primi segnali di convergenza. A livello internazionale l’alleanza tra Hotel&Retail è già affermata da tempo. Un passo significativo  è  stato  quello  della  creazione  di  partnership    commerciale  tra  Hilton e Value Retail. L’intesa prevede che  i  member  del  programma  fedeltà  del Gruppo alberghiero possono “guadagnare punti” sugli acquisti effettuati nelle strutture europee del noto gruppo di outlet. “All’estero, specialmente Usa e Medio Oriente, non è insolito realizzare outlet dove sono già previsti fin da subito alberghi di lusso o strutture per il divertimento e il tempo libero,che aiutano a prolungare la permanenza dei clienti nella struttura” commenta Davide Padoa, Ceo di Design International, società  londinese  che  ha  una  vasta  esperienza  nella  progettazione  e  realizzazione di strutture retail di livello internazionale. “Pensare di inserire un albergo all’interno di un grande centro commerciale o di un outlet è cosa complessa -aggiunge Padoa- ma pensare di dormire all’interno di un’area commerciale è possibile. Proprio a Milano, per esempio, abbiamo  un  progetto  di  shopping  resort  con albergo di supporto a una vasta rea commerciale all’aperto, che si insedierà  nelle  ex  aree  Falck  di  Sesto  San  Giovanni”.

Ha collaborato Francesco Tedesco

L'intero articolo su Mark Up n. 251

No items found

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome